Amministrative ed Europee, come cambia la campagna elettorale per cittadini e candidati

Nuove forme di comunicazione e modalità in vista delle consultazioni. I social network diventano preponderanti

cartelli elettorali

E’ sempre più vicina la data di domenica 26 maggio: l’intera provincia di Terni sarà chiamata al rinnovo del Parlamento Europeo, per la parte interessata alla circoscrizione centro. In ventidue comuni inoltre, una scheda ulteriore riguardante l’elezione del sindaco e dei rispettivi consigli comunali. Di questi solo ad Orvieto si supera la soglia dei 15000 abitanti con possibile ulteriore turno di ballottaggio nel caso in cui, nessuno dei candidati, riuscisse a superare la maggioranza assoluta delle preferenze.

In questo contesto la campagna elettorale, ormai da diverso tempo, si sta conformando alle esigenze e le modalità di comunicazione politica in essere. Sempre meno frequente l’utilizzo della cartellonistica e della carta in generale, molto più reiterato l’utilizzo dei social network. Di certo nelle consultazioni a livello comunale permane, soprattutto per quella in arrivo dove i municipi sono circoscritti, la scelta del cosiddetto ‘porta a porta’. Un modo romantico di interpretare la politica andando a tastare i sentimenti, gli umori e le esigenze di ogni singolo potenziale elettore. Naturalmente anche i comizi e le riunioni sono un altro strumento comunicativo alquanto diretto, soprattutto quando si svolgono in singoli quartieri, zone o frazioni. Ora però si è diffuso anche l'aperitivo elettorale, andando un pò ad emulare ciò che ha modificato le abitudini e le consuetudini delle persone prima di recarsi a cena. È la necessità comprensibile di andarsi a ritagliare uno spazio e cercare di tastare il polso ai propri concittadini. Meno frequente l’uso dei bigliettini da visita, comunque rientranti nei budget previsionali della campagna elettorale.

Ora gli investimenti vengono orientati sulle facebook ads, campagne sponsorizzate che consentono di raggiungere pubblici targetizzati settorializzati. E’ un fenomeno ormai diffusissimo e praticato dai singoli candidati (chi ci riesce autonomamente ndr) dai social media manager professionisti oppure semplici ‘smanettoni’ che gestiscono le pagine. Insomma questa consultazione elettorale, da una parte mantiene fede alle tradizioni in virtù di una competizione a livello territoriale. Dall’altra, come ad esempio per le Europee, si allontana dalle vecchie abitudini ormai progressivamente in disuso da diversi anni, ossia da quando i social network hanno invaso ed influenzato la quotidianità di gran parte della popolazione. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul terreno di gioco, muore Alfredo Battella: il cordoglio di Ternana, Narnese ed Orvietana

  • Travolto e ucciso da un’auto il cane degli artisti di strada in via Aleardi

  • Incidente stradale, ciclista impatta contro auto nel pomeriggio odierno

  • Incidente stradale, ferito gravemente un centauro

  • Il foodblogger ternano sbarca in televisione su LA7D con 'Vado a vivere in montagna'

  • Incidente stradale, auto contromano in via Alfonsine: un ferito

Torna su
TerniToday è in caricamento