Cascata delle Marmore: accessi "liberi" per gran parte del pomeriggio, il “giallo” dell’orario di settembre

Oggi, per la prima volta, gli ingressi sono rimasti chiusi nello stesso orario delle biglietterie mentre il parco è rimasto aperto

Gli orari, sul sito della cascata, non suggeriscono nessun cambiamento. Eppure oggi, per la prima volta dall’introduzione del biglietto, il parco della cascata delle Marmore è rimasto senza personale a presidiare gli ingressi. Le casette dei varchi sono rimaste chiuse nello stesso orario di chiusura della biglietteria, quindi dalle 13.30 alle 14.30 e poi di nuovo dalle 16.30 fino alle 19.30, quando la cascata riaprirà per il rilascio in notturna.

Se, insomma, preoccupare, fino a poche ore fa, era l’orario della cascata per i mesi che vanno da ottobre a febbraio, sembra proprio che anche a settembre la situazione non filerà liscia come l’olio.
E’ ancora poco chiaro quello che sta accadendo, ma sembrerebbe che, negli ultimi giorni, sia stato il Comune a comunicare un ulteriore cambio in corsa, probabilmente a causa del periodo di proroga concesso agli attuali gestori in attesa dell’assegnazione del nuovo bando. Se fino a domenica il parco è rimasto aperto come sempre, oggi qualcosa sembrerebbe essere cambiato, con l’attuazione di un orario “spezzato” che, però, ha riguardato le sole postazioni, le biglietterie e i bagni, sia al Belvedere superiore sia all'inferiore. Il parco, infatti, è rimasto aperto, con dei turisti che, inevitabilmente, si sarebbero introdotti nell'area senza biglietto, se non altro perché non c’era nessuno a controllare. 

bagni cascata-2"E' inutile parlare tanto della Cascata - afferma Mattia Nannurelli del Circolo Pd di Marmore - quando poi le azioni non corrispondono alle intenzioni. Soprattutto, quello che si sta verificando oggi, non rappresenta solo un danno erariale, con i turisti che nel pomeriggio stanno entrando senza biglietto, ma credo rappresenti anche un problema per la sicurezza e per la qualità del servizio: chi da indicazioni in questo lasso di tempo? E se succedesse qualcosa? Al Belvedere inferiore, inoltre, proprio in questo momento (alle 17.25 ndr) c'è gente sui sentieri. Come faranno gli operatori, alle 19.30, a verificare che nell'area non ci sia nessuno quando dovranno chiudere il ponte di ferro? E chi, dentro l'area, dovesse andare in bagno? E, infine, se una persona con disabilità volesse entrare, non potrebbe andare più in là di piazzale Byron, perchè l'ascensore per essere attivato necessita della presenza dell'operatore. Insomma, credo sia il tempo di affrontare seriamente la questione degli orari e delle aperture, anche per i lavoratori, mettendo da parte i proclami".

Ingresso Byron-2

Intanto, il capogruppo in consiglio comunale del Pd Francesco Filipponi preannuncia un'interrogazione: "Vogliamo capire come l'amministrazione voglia gestire questa situazione, quali siano le motivazioni e se questa chiusura si protrarrà fino a fine mese. Di sicuro, seppur di piccola entità, ci sarà un danno erariale al COmune, per non parlare delle ripercussioni di questo ulteriore taglio delle ore sul personale impiegato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo su Terni e provincia, allagamenti e disagi: donna al sicuro prima dell'arrivo della piena

  • Tragedia della follia: uccide moglie e figlia e poi si suicida

  • Maltempo a Terni, fiume Nera a rischio esondazione: peggioramento nelle prossime ore

  • Incidenti stradali, a Terni il triste primato delle strade più pericolose dell’Umbria: ecco quali sono

  • Pericoli a Terni, la buca più ‘chiacchierata’ della città diventa un simbolo

  • L’acciaio, la città operaia e il trionfo della Lega: il “caso” Terni fa il giro d’Europa

Torna su
TerniToday è in caricamento