Cascata delle Marmore, aperte le “buste”: il nuovo gestore è Vivaticket

Cinque le offerte valutate, Alis la spunta sui contenuti tecnici ma le condizioni economiche garantite dall’attuale gestore valgono la vittoria del bando di tre anni più due opzionali. Il commento della Alis: "Nessuna gestione ternana, chi prende vince al ribasso"

L'apertura delle "buste"

Vivaticket è il nuovo gestore della cascata delle Marmore. Questa mattina, 9 ottobre, sono state aperte le offerte economiche presentate dai cinque soggetti che hanno partecipato alla gara per la gestione del sito naturalistico di Terni. In gara c’erano, oltre a Vivaticket che fino al 31 ottobre è l’attuale gestore della cascata, anche la cooperativa Alis, Gebart, Zoe e Coopculture.

Questi i dettagli delle buste. I punteggi relativi all’offerta tecnica sono stati: Alis 70; Gebart 44,894; Zoe 57,454; Coopculture 64,497; Vivaticket 69,045. Per quanto riguarda i punteggi dell’offerta economica: Alis 11,11%; Gebart 5,500%; Zoe 1,910%; Coopculture 12,5%; Vivaticket 15,100%.

Il punteggio finale è dunque il seguente: Vivaticket 99,045; Alis 95,920; Coop 91,857; Zoe 62,434 e Gebart 59,204. Il vantaggio di Alis rispetto all’offerta tecnica è stato dunque superato dalle condizioni economiche offerte da Vivaticket.

Alla aggiudicazione provvisoria seguiranno ora una serie di approfondimenti per decretare ufficilamente il vincitore. La nuova gestione comincerà comunque il primo novembre e avrà una durata di tre anni più due opzionali. Nelle prossime ore è in programma un incontro tra amministrazione comunale e sindacati per cominciare ad affrontare dettagli importanti come il nuovo orario della cascata e la gestione del sito archeologico di Carsulae che, come previsto dal bando di gara, ora rientra nel “pacchetto” cascata.

IL COMMETNO DELLA COPPERATIVA ALIS PER BOCCA DEL SUO RAPPRESENTANTE STEFANO NOTARI:

"Si è svolta l’ultima fase della gara per l’aggiudicazione della gestione dei servizi turistico-escursionistici della cascata delle Marmore. Ci fa molto piacere che la nostra offerta progettuale sia stata considerata la migliore con il massimo del punteggio, ovvero 70 punti, al confronto con due grandi colossi nazionali nel campo del ticketing come Vivaticket e CoopCulture. Questo, a testimonianza inequivocabile del valore dei progettisti, tutti ternani, delle nostre cooperative. Prendiamo atto del consistente ribasso fatto da Vivaticket, ribasso che ha consentito all’azienda di vincere provvisoriamente la gara: ci auguriamo che tale ribasso non si riverberi né sul monte ore dei lavoratori, già in questi mesi fortemente ridimensionato, e ciò attiene sia al sito della cascata delle Marmore e sia, in prospettiva, all’area archeologica di Carsulae e né sull’erogazione dei servizi verso i turisti. In generale, manifesto rammarico perché per i prossimi anni non vi sarà alcuna impresa ternana nella gestione dei siti turistici più importante della nostra città".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, schianto con la moto: muore il maestro Francesco Falcioni

  • Le Iene arrivano in un’azienda ternana, ecco cosa è successo

  • Incidente stradale, uomo estratto dalle lamiere dopo impatto a tre

  • Incidente stradale, uomo estratto dalle lamiere: è in gravi condizioni

  • Alcantara, sessanta dipendenti a rischio mancata riconferma: “Seriamente preoccupati”

  • Intossicati dai funghi velenosi, muore dopo una settimana di agonia

Torna su
TerniToday è in caricamento