Ecco la stazione ferroviaria del futuro, al via i lavori di restyling

Spazi commerciali, info point, bike station, oltre 300 posti auto e coworking, scatta la rivoluzione destinata a cambiare il volto dello scalo ferroviario urbano

La stazione ferroviaria cambia volto. Sta per scattare la seconda fase dei lavori di restyling, una svolta di ‘concept’ dello scalo ferroviario urbano che, come si legge nel Dup, documento unico di programmazione, trasformerà Terni in ‘Dynamic green smart city’, città moderna e soprattutto funzionale, con un vero e proprio centro direzionale in grado di fornire informazioni e servizi ai turisti ma anche ai cittadini. Si comincia entro breve dal rinnovamento dell’aspetto estetico per poi, attraverso vari fasi, arrivare alla nascita di una ‘piazzetta dell’innovazione’ che sorgerà nello spazio dietro l’hotel Millennium.

Ma non solo, in cantiere c’è anche il raddoppio del parcheggio di via Proietti Divi e una nuova area attrezzata nel parcheggio di via Tito Oro Nobili. Il restyling è possibile grazie ai fondi messi a disposizione da Rfi (Rete Ferroviaria Italiana), Comune di Terni, tramite il Piano Periferie, sebbene ancora ‘congelato’ e anche con fondi Por Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale). I lavori dovrebbero partire a breve visto che c’è pronto già il permesso a costruire proprio per Ferrovie. Si tratta dunque di un intervento diviso in tre blocchi: il primo progetto è quello già messo in cantiere dai tecnici di Rfi e per cui sono state già avviate le pratiche come conferma l’assessore ai Lavori pubblici Enrico Melasecche: “Abbiamo sollecitato Rfi a dare avvio ai lavori di restyling per i quali è già stato acquisito il permesso a costruire. L’appalto quindi avverrà tra breve”. Secondo il progetto sarà ampliata la parte ‘viaggiatori’ tramite una vetrata che chiuderà l’attuale portico esterno, all’interno l’edicola verrà spostata ci saranno attività commerciali e nuovi servizi.

Dopo si passerà a creare la piazzetta dell’innovazione, a lato hotel, dove verrà trasferito l’infopoint turistico, attualmente nell’ex foresteria. Dovrebbero esservi sistemati anche un coworking e una bike station. “Per questa operazione in particolare che vale almeno 600 mila euro – spiega l’assessore – ci sono i fondi che il Comune punta di avere dal Piano periferie, sfruttando anche dei fondi europei del progetto Por Fesr che serviranno a ingrandire il parcheggio di via Proietti Divi che dagli attuali 100 posti arriverà a 300 fino a un futuro possibile ulteriore raddoppio. L’obiettivo – aggiunge – è quello di offrire maggiore spazio ai tanti viaggiatori e pendolari che, sfruttando quel parcheggio, non hanno necessità di passare in centro, alleggerendo così il quadro per traffico e ambiente”. Ma non è finita qui, perché dal lato opposto, quindi area parcheggio su via Tito Oro Nobili, Ferrovie dovrebbe mettere a disposizione un immobile ora usato come magazzino merci e realizzarvi alcuni servizi commerciali.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terni on ufficiale, il programma completo della Notte Bianca più attesa

  • Gli operai dell’Acciai Speciali Terni a Carta Bianca su Rai 3: “Salvini ha perso una grande occasione”

  • Elezioni regionali, il sondaggio: il centrodestra è in testa, ma l’asse giallorosso è a un soffio

  • Terni on, la notte bianca è iniziata: le foto e gli eventi della serata

  • Foro boario, il mercato chiude i battenti: via gli operatori entro la fine dell’anno

  • Incidente stradale, auto contromano in via Alfonsine: un ferito

Torna su
TerniToday è in caricamento