Frecciarossa, più vicina la possibilità della fermata a Orte

Ad annuncire la novità è il sindaco di Orte Giuliani, ma ancora manca la conferma anche per le titubanze di Trenitalia. Intanto l'assessore regionale ai Trasporti Chianella chiede e sollecita un incontro con tutti i soggetti coinvolti

Rfi e Trenitalia, starebbero ‘ragionando’ sull’introduzione a Orte di una fermata dell’alta velocità: è il sindaco della città della Tuscia, Angelo Giuliani, ad annunciare la novità in una lettera inviata alla neoministra dei Trasporti Paola De Micheli e ai presidenti delle Regioni Lazio e Umbria, Nicola Zingaretti e Fabio Paparelli. Trenitalia, stando a quanto afferma il sindaco, sarebbe dunque intenzionata, dopo molte reticenze, a dare un parere positivo: la proposta sarebbe quella del prolungamento del Frecciarossa 9589 da Firenze a Orte con arrivo alle 00,07, sosta notturna e ripartenza alle 4,47, con arrivo a Milano alle 7,48 del Frecciarossa 9580. Orari definiti dal sindaco Giuliani “un risultato storico per le nostre province e un indubbio vantaggio per gli utenti che devono prendere il Frecciarossa alle 5 da Roma per recarsi in direzione Milano. In futuro – continua nella lettera – sono convinto che esistano motivazioni tecniche e opportunità di mercato per avere orari più agevoli sia di partenza che di arrivo dell’alta velocità alla stazione di Orte. Ora più che mai – sollecita le istituzioni regionali laziali e umbre il primo cittadino – il vostro impegno istituzionale si rende necessario per la fattiva messa in opera della soluzione aziendale. Con la consapevolezza che non vogliate disattendere le aspettative e le speranze di questa vasta area territoriale e dei loro residenti, ma confermare una piena disponibilità ad una fattiva collaborazione per il raggiungimento di questo traguardo nel più breve tempo possibile, resto in attesa di vostro riscontro”. Però non c’è ancora alcuna conferma ufficiale tra Trenitalia e istituzioni locali, che anzi attendono un nuovo incontro a breve. Lo stesso assessore della Regione Umbria ai trasporti, Giuseppe Chianella, ricorda le titubanze di Trenitalia e ricorda le due ipotesi al centro dei precedenti confronti: l’arrivo a Orte di una Freccia proveniente da Roma, che secondo la società di trasporti perderebbe però 20 minuti di percorrenza a discapito dei viaggiatori, oppure l’arretramento a Terni del Frecciarossa che attualmente ferma a Firenze e ripartirebbe di prima mattina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzi morti, c’è un sospetto: ternano in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Flavio e Gianluca, adesso la parola passa alla scienza: quattro ore di autopsia per spiegare la tragedia

  • Il silenzio e poi le urla di dolore: Terni sotto shock per la morte di due ragazzini, indagini a tutto campo

  • Cronaca di Terni, tragica scomparsa di due adolescenti. Le reazioni: “Sgomento e dolore. Giornata di lutto cittadino”

  • Flavio e Gianluca, basta lacrime ipocrite: non serve il lutto cittadino, bisogna vietare l’ingresso agli spacciatori

  • Morte dei due ragazzi a Terni: le sostanze che probabilmente hanno causato il decesso di Flavio e Gianluca

Torna su
TerniToday è in caricamento