I lavoratori di Carsulae: “Le rassicurazioni sulla clausola sociale vengano rispettate”

A due giorni dal cambio di gestione le persone impiegate presso il Centro visita dell'area archeologica esprimono la loro preoccupazione in assenza di certezze sul loro futuro lavorativo

Preoccupazione per il futuro e una chiara richiesta di mantenere gli impegni presi. I lavoratori di Carsulae, a due giorni dalla scadenza dell'appalto di gestione del Centro Visita Umberto Ciotti, tornano ad esprimere perplessità riguardo al passaggio di gestione che, dall’Ati composta da Civita, Alis e Actl andrà a Vivaticket, che si è aggiudicata la Gara europea per la gestione della Cascata delle Marmore che comprende anche Carsulae.
"In questi mesi molto si è parlato del destino dei lavoratori - affermano gli impiegati nel sito in una nota - Gli operatori di Carsulae, infatti, non sono rientrati nella clausola sociale – ossia l’obbligo di riassorbimento da parte del vincitore della gara -, riservata invece ai lavoratori della Cascata delle Marmore. Scelta, questa, ben definita all’interno del Bando e confermata dal Comune in sede di gara, seppur prevista dai CCNN e dallo stesso codice degli appalti. A due giorni dal passaggio non abbiamo nessuna certezza: nessuno, né azienda, né sindacato, né Comune, ci ha comunicato nulla,– affermano ancora i lavoratori -. Quello che chiediamo è che le promesse che ci erano state fornite dai sindacati e dal vicesindaco Andrea Giuli tra l’8 e il 9 luglio scorsi vengano rispettate. Proprio Giuli, infatti, aveva rassicurato sul fatto che l’applicazione della clausola sociale sarebbe stata valida per tutti i lavoratori”. “Per quel che mi riguarda, nei limiti delle competenze, funzioni e responsabilità di ciascuno degli attori in campo – aveva detto Giuli -, posso dire che si farà il possibile per garantire tutela del lavoro e professionalità, come già accadde in relazione all’attuale bando in corso per la gestione della cascata”.
“Ora – concludono i lavoratori – chiediamo che gli impegni presi vengano mantenuti, che non vengano disperse preparazione e serietà che da anni si spendono per il territorio, offrendo servizi di qualità apprezzati da tutti i visitatori. Chiediamo un impegno preciso e concreto, perché con le parole non si va più da nessuna parte”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La mappa del contagio, “esplosione” di positivi in due comuni del Ternano

  • Coronavirus, la situazione dei contagi: in ventiquattro ore più positivi a Terni che a Perugia

  • Coronavirus, torna a salire il numero di contagi. La provincia di Terni doppia (quasi) quella di Perugia

  • Ast, la testimonianza di un lavoratore: ecco cosa è successo alla riapertura della fabbrica

  • Coronavirus, Giove verso la zona ‘rossa’. In arrivo l'ordinanza di isolamento: primo comune del ternano

  • Scuola e virus, le ipotesi: nessuna riapertura, esami “soft” e da settembre ancora didattica a distanza

Torna su
TerniToday è in caricamento