Mobilità attiva Terni:"Una nuova via di Vittorio come condivisione dello spazio pubblico"

Conferenza stampa in piazzale Senio per spiegare le proposte del Mat:"La strada è di tutti e non solo degli automobilisti"

Mat

Nella città di Terni 75 persone su 100 possiedono una macchina e solo tre abitanti su 100 prendono la bicicletta. Statistiche che dovrebbero far riflettere soprattutto se si vanno a computare i dati che riguardano l’inquinamento. (86 giornate sopra la soglia di queste 49 per Pm10 e le restanti per ozono). Il comitato MAT Mobilità Attiva Terni, nel corso della mattinata odierna, ha sviscerato una serie di proposte durante la conferenza convocata a Piazzale Senio.

Uno degli aspetti preponderanti toccati fa riferimento alla nuova ‘Via di Vittorio’ i cui lavori di restyling inizieranno mercoledì 22 maggio:”Il nuovo progetto dovrebbe prevedere un investimento di 200 mila euro circa. All’interno è inserita una sola rotatoria ed una pista ciclabile con sede separata che costa sei volte di più, rispetto a come potrebbero essere utilizzati i fondi. Se andiamo ad analizzare la strada possiamo evincere come l’ampiezza della stessa potrebbe garantire soluzioni alternative piuttosto efficaci. In primo luogo la soluzione migliore è quella della duplice corsia ciclabile con sede propria. Un bene condiviso da tutti dove auto e bici possano viaggiare insieme. Inoltre andrebbero a convivere dissuasori di velocità ed elementi di vivibilità rappresentati da rotonde, passaggi pedonali a raso sopraelevati con rampe di pendenza leggerissime ma tali, da dimostrare l’esigenza primaria di rendere la strada uno spazio condiviso. Già perché – sottolineano con fermezza gli esponenti – la strada è di tutti e non solo degli automobilisti. Ci appelliamo a questa giunta comunale che ha molta voglia di fare in tal senso. Abbiamo inviato mail senza ricevere alcuna risposta: vorremmo far presente le nostre proposte. Ci sono dei bandi settimanali ai quali partecipare, uno di questi è il PrIMUS ossia il programma di incentivazione della mobilità urbana sostenibile che scade a giugno. Si potrebbero utilizzare dei finanziamenti importanti per sostenere queste iniziative. Il Bicibus a cura di genitori, nonni, volontari autorizzati ad accompagnare con la bicicletta un gruppo di bambini dalle case di appartenenza a scuola, mediante percorsi selezionati in massima sicurezza. Un servizio che ridurrebbe il traffico davanti agli istituti e che aumenterebbe la sicurezza stradale, oltre a garantire benefici in termini di risparmio energetico ed un abbassamento degli inquinanti. Aspettiamo inoltre il Biciplan e ci prepariamo al Pums dove ci sarà occasione tra amministrazione e cittadini per dialogare su tematiche tecniche di rilevanza. Infine – ricordano da Mat – invitiamo tutti i cittadini a partecipare alle nostre pedalate nel centro cittadino”

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Allegati

Potrebbe interessarti

  • Laghi in Umbria, per un bagno rinfrescante o una passeggiata nella natura

  • Memoria olfattiva, come gli odori riportano alla luce i ricordi

I più letti della settimana

  • Turista ternano muore sulla spiaggia di San Benedetto del Tronto

  • Incidente stradale all'incrocio maledetto, le foto dello schianto. Tra i coinvolti una famiglia con due bambini

  • Incidente stradale, l'incrocio maledetto colpisce ancora: schianto tra due auto

  • Terrore in California, imprenditore ternano fra le pallottole di una sparatoria

  • Terremoto nella notte, l’epicentro fra Acquasparta e Massa Martana

  • Ermes Maiolica colpisce ancora: “bucata” la pagina ufficiale Facebook di Matteo Salvini

Torna su
TerniToday è in caricamento