“L’orologio dei ricordi, così quel pendolo è finito nell’ufficio del sindaco di Montefranco”

Venne donato da una donna del paese che si era trasferita in Francia con la famiglia. Il primo cittadino: storie che riemergono dal passato e fanno riflettere

“Ci sono storie commoventi che riemergono dal passato e che fanno riflettere, come quella dell’orologio a pendolo nell’ufficio del primo cittadino. La sua storia si era persa nel tempo e nessuno ricordava come fosse finito lì, fino a quando, qualche mese fa è arrivata in municipio Antonella, nipote di Maria Moroni, colei che aveva donato, anni fa, l’orologio alla comunità di Montefranco”.

unnamed (1)-7Un orologio che diventa un dono. Un dono che diventa storia e poi ancora testimonianza. Oggi quella storia viene ripercorsa dal sindaco di Montefranco, Rachele Taccalozzi, secondo la quale quell’orologio a pendolo è simbolo dell’emigrazione montefrancana e narra la vita di una migrante e del suo amore, mai sopito, per il proprio paese e idealmente diventa la testimonianza di tutti coloro che se ne sono dovuti andare.

Maria Moroni nasce a Montefranco il 20 dicembre 1931. Ancora bambina, lascia il suo paese per trasferirsi con i genitori, in Francia.  Suo padre cerca di dare una vita migliore a lei e sua alla famiglia. Passano gli anni e Maria continua a portare nel cuore Montefranco e la sua comunità. Finché, insieme alla sua famiglia, decide di tornare in Umbria. La famiglia Moroni sceglie di vivere a Giano. Ma Maria ogni volta che può, torna a Montefranco.  E vuole lasciare un ricordo, donare a tutta la comunità un oggetto a cui tiene molto.  Un orologio a pendolo che sarà sistemato in municipio e che resterà lì a ricordare l’amore di Maria per il suo paese.  “Ma la sua storia era stata dimenticata finché Antonella l’ha di nuovo raccontata a tutti noi. In questi giorni – dice il sindaco Taccalozzi - è stata sistemata una targa in ceramica sulla cassa dell’orologio a ricordare l’amore di Maria per Montefranco e le sofferenze di chi è costretto a lasciare il suo paese per cercare una vita migliore lontano dalla terra natia”.

“Una bellissima storia che fa riflettere. Sono molte le persone che si trovano in paesi che non sono i propri e che sicuramente non vorrebbero andar via dalla propria terra d’origine - commenta Antonella, la nipote di Maria - ma sono costrette a farlo per garantire condizioni di vita dignitose alla propria famiglia”. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Trasporto disabili, il Comune tira dritto. Scontro con le associazioni

  • Cronaca

    Da Campomicciolo a villaggio Pallotta, la mappa dei bocconi avvelenati. Enpa: ma servono denunce

  • Attualità

    L'ultimo saluto a Pompeo De Angelis: "La verità, la storia, la bellezza, non muoiono"

  • Attualità

    La città dell'acciaio fa un salto nel futuro: 40mila case connesse alla fibra ottica

I più letti della settimana

  • Cospea 2, come presentare il curriculum per il nuovo centro commerciale

  • Centro per l'impiego di Terni, sessantotto posti di lavoro per una selezione attiva

  • ASM Terni, procedura di assunzione aperta per nove contratti a tempo indeterminato

  • Faurecia, trasferimento in arrivo per quindici dipendenti a Koenig Metall

  • Cadavere in casa, arrivano polizia e vigili del fuoco

  • Detenuti tentano di fuggire dall’ospedale, le condizioni dei tre feriti

Torna su
TerniToday è in caricamento