Nuovo Palasport, la Salc conferma l'impegno: si va verso l'aggiudicazione definitiva

L'assessore Melasecche: "Con la firma della ditta passi avanti essenziali nella complessa e delicata procedura per la realizzazione del progetto"

Nonostante il periodo che poco concilia l'avanzamento di lavori, gare e procedure, sul fronte palasport arrivano buone notizie. E' proprio di queste ore, infatti, la firma della Salc spa del verbale del tavolo tecnico con la valutazione delle osservazioni formulate dalla commissione aggiudicatrice nei confronti del Rup. Un passo essenziale, dal punto di vista tecnico-legale, per mandare avanti la delicata e complessa procedura per la realizzazione del nuovo Palasport 
Entro pochi giorni – comunicano da palazzo Spada - seguiranno le due determine dirigenziali di approvazione del verbale e, infine, quella importantissima di aggiudicazione formale della gara.


“Un lavoro estremamente complesso e delicato – afferma l’assessore ai lavori pubblici Enrico Melasecche - che vede la struttura alle dipendenze dell’architetto Piero Giorgini, ma anche gli altri uffici che collaborano direttamente a questo obiettivo lavorare senza tregua per l’ambiziosissimo appuntamento del 2021 che potrebbe vedere l’inaugurazione del nostro Palasport con un evento sportivo mondiale. Una vera e propria sfida che vorremmo la città vincesse”.

Il fatto estremamente positivo acquisito in questi giorni è dunque la firma da parte dell’impresa aggiudicataria, che ha così confermato l’impegno alla realizzazione dell’opera, con il recupero di un rapporto formale nonostante i ritardi nell’apertura della busta dovuti alle vicende del dissesto e al seguente commissariamento.

“Allo stesso tempo – continua Melasecche – sono stati fatti altri passi in avanti con l’acquisizione della disponibilità dell’ASM al trasferimento del Centro Comunale Rifiuti al di là della ferrovia Terni-Sulmona entro l’anno, su un’area ceduta in perequazione dall’Impresa Ponteggia, che ringraziamo. Abbiamo poi avuto un incontro chiarificatore presso l’assessorato al Commercio con i gestori delle attività di ortofrutta che, a contratti scaduti da quasi un anno, dovranno demolire quelle strutture e decidere come e dove trasferirsi, avendo dato il Comune la propria disponibilità a trovare alcune soluzioni nell’ambito di quelle consentite dalla legge. C’è stata infine la manifestazione di interesse per l’arredo e la gestione del nuovo Mattatoio in zona Strada del Confini cui ci sono state risposte positive”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cronaca di Terni, tentata aggressione al percorso fluviale dopo il fattaccio: “Ferito il mio cane”

  • Terni, movida “osservata speciale”: cani antidroga e telecamere, ecco le vie sotto controllo

  • “Lavoratori alla fame, nuovi disoccupati e famiglie nell’incertezza”, le Mascherine Tricolori a Terni

  • Aggredita e ferita da un pitbull a Terni. La proprietaria inveisce contro la donna e fugge: denunciata

  • Coronavirus a Terni, lo sfogo del consigliere Fiorelli: “Se toccati dal Covid saremmo crollati in modo rovinoso”

  • Acciai Speciali Terni, la crisi post emergenza Coronavirus: dalla terza decade di giugno stop in sequenza ai reparti

Torna su
TerniToday è in caricamento