Ospedale di Orvieto, completati gli interventi strutturali e impiantistici nella struttura di Riabilitazione Intensiva.

“L’obiettivo - spiega il commissario straordinario dell’Azienda Usl Umbria 2 Massimo Braganti - è di rendere più moderna e funzionale una struttura ospedaliera, come quella di Orvieto"

A distanza di pochi giorni dall’installazione del sistema radiologico digitale completo di ultima generazione nella struttura complessa di Diagnostica per Immagini e dei lavori di restyling e ammodernamento del reparto di Cardiologia, proseguono in modo spedito gli interventi strutturali e impiantistici nell’ambito dei programmi di potenziamento del Presidio Ospedaliero “Santa Maria della Stella” di Orvieto dell’Azienda Usl Umbria 2.

Dopo i lavori di manutenzione ambientale, dalla giornata di lunedì è di nuovo operativo il Reparto di Riabilitazione Intensiva che conta un totale di 14 posti letto.

L’utenza di riferimento è rappresentata da pazienti portatori di disabilità complesse, che interessano organi e apparati, di recente insorgenza e modificabili a seguito di intervento migliorativo e portatori di disabilità segmentarie transitorie anch’esse modificabili con il trattamento riabilitativo. Si tratta principalmente di disabilità a carico dei sistema nervoso centrale, dell’apparato osteo-mio-articolare secondarie ad interventi chirurgici o patologie su base traumatica, di carattere generale conseguenti a ipomobilità.

Oltre alla riabilitazione motoria, training deambulatorio, riabilitazione ortopedica, nel reparto del “Santa Maria della Stella” diretto dal dr. Fabrizio Mosca vengono svolte anche attività di addestramento con indicazioni ergoterapiche per facilitare la ripresa delle attività quotidiane.

“L’obiettivo - spiega il commissario straordinario dell’Azienda Usl Umbria 2 dottor Massimo Braganti - è di rendere più moderna e funzionale una struttura ospedaliera, come quella di Orvieto, strategica nell’ambito del sistema sanitario regionale e in grado di ricoprire un ruolo centrale ed attrattivo anche per utenti extraregionali. Gli interventi effettuati nella struttura di Riabilitazione Intensiva – conclude - renderanno il reparto più confortevole e accogliente per familiari ed utenti che necessitano di riabilitazione motoria”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fine di un'era, chiude storico locale del centro di Terni: "Costi elevati e nessun incentivo"

  • Morgan rifiuta la proposta di Terni città futura: “Mi permetto di sconsigliarvi il duplice invito”

  • Cinema Politeama, il gestore getta la spugna: “Investito tanto per rendere viva la città di Terni”

  • Coronavirus, i casi sospetti in Umbria mettono in allarme: gli infermieri scrivono alla Regione

  • Samanta Togni ed il viaggio di nozze da sogno: “Anche il cielo ci ha voluto fare il suo regalo di nozze”

  • Annuncio a sorpresa per il Bugatti di Terni: dopo i tanti attestati di solidarietà spunta la cordata per rilevarlo

Torna su
TerniToday è in caricamento