Terni ad alta velocità, impossibile arretrare il Frecciarossa: ecco le soluzioni al vaglio

L’assessore ai trasporti Enrico Melasecche ne spiega le comprensibili ragioni. Nei giorni scorsi si era parlato del rafforzamento della Terni-Roma con treni diretti ed alta velocità

foto di repertorio

Trasporti, criticità e soluzioni. L’assessore preposto Enrico Melasecche ha spiegato ad Umbria Tv le ragioni che non consentono l’arretramento della partenza del Frecciarossa da Perugia a Terni. Il convoglio infatti saluta Fontivegge alle 5,30 ed è incardinato all’interno di tutte le dinamiche previste tra orari e distribuzione dei treni ad alta velocità con destinazione Milano: “Se dovessimo ipotizzare una partenza da Terni lo arretriamo al giorno prima” riferendosi alle difficoltà logistiche della tratta verso Spoleto-Foligno-Assisi-Perugia e l’impossibilità di poter sprigionare, a piena gittata, del potenziale a disposizione. In pratica i 300 km orari difficilmente si potrebbero raggiungere; di conseguenza l’orario ipotizzabile sarebbe oltremodo scomodo.

“C’è stato un primo incontro con l’ingegner Gentile di RfI al quale abbiamo partecipato con la presidente Tesei. Dobbiamo ragionare su cronoprogrammi e rivedere le date, non possiamo darci una scadenza quinquennale perché ci ritroveremmo alla fine del mandato. Il nostro obiettivo è quello di dare delle certezze agli umbri

Terni-Roma, possibile implementazione con i Frecciabianca

Se ne è parlato circa dieci giorni fa con la visita della governatrice Tesei a Terni. Una coppia di Frecciabianca per abbattere i tempi di percorrenza e collegare la città di Terni con la capitale in 45 minuti. Nessuna fermata intermedia e nuove motrici a disposizione che permetterebbero di raggiungere velocità superiori ai 200 chilometri l’ora. Insomma per gli oltre 2500 pendolari che ogni giorno si muovono potrebbe essere sicuramente una valida opzione. Tuttavia la soluzione non sarebbe immediata ed inoltre è da rilevare che Trenitalia ha iniziato il processo di sostituzione dei Frecciabianca con le Frecciargento. Le novità sono comunque attese per garantire ai viaggiatori ternani soluzioni migliori da un punto di vista qualitativo, senza dimenticare però i treni regionali ed il traffico locale.  

Frecciarossa da Orte

Un’altra possibile soluzione riguarderebbe la fermata di almeno un Frecciarossa ad Orte. Ipotesi già vagliata in precedenza che permetterebbe ai viaggiatori ternani di avvicinarsi al convoglio rispetto alle stazioni di Roma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: ottanta ternani in isolamento fiduciario. Via libera per chi non è partito del nucleo familiare

  • Annuncio a sorpresa per il Bugatti di Terni: dopo i tanti attestati di solidarietà spunta la cordata per rilevarlo

  • Coronavirus, i casi sospetti in Umbria mettono in allarme: gli infermieri scrivono alla Regione

  • Ternano nell’area al centro del contagio da Coronavirus: “Paura c’è. La percezione è diversa dalla realtà”

  • Coronavirus, musicista ternano: “Quarantena e precauzioni. Vi spiego le linee guida che ho seguito in Cina"

  • Il treno più veloce del mondo che “parte” da Terni arriva a Milano Malpensa: ecco il progetto

Torna su
TerniToday è in caricamento