Terni verde, così la città dell’acciaio cerca di fare spazio agli alberi

Gli abbattimenti, le nuove piantumazioni, i progetti per il 2019 e il confronto con gli anni passati: convegno al Caos. Tutte le vie interessate dalla messa a dimora delle piante  

La città dell’acciaio vuole farsi venire il pollice verde. Della “nuova strategia del verde urbano” si discute oggi, giovedì 15 maggio, al Caos di Terni nell’ambito di un convegno organizzato dall’assessorato all’ambiente del Comune per scattare una fotografia della situazione in città fra abbattimenti, nuove piantumazioni, ciò che è stato fatto nel passato e quelli che sono i progetti per il prossimo futuro. All'incontro, fra gli altri, hanno partecipato Benedetta Salvati, assessore all’ambiente del Comune di Terni, Federico Nannurelli, della direzione manutenzioni - patrimonio di Palazzo Spada, Andrea Barbagallo, presidente dell’Ordine dottori agronomi e forestali della provincia di Terni.

Nel dettaglio, queste le vie che sono state interessate dalle nuove piantumazioni fra il 2018 e l’inizio di questo 2019: viale dello Stadio (43 legestroemia), Viale Aleardi (7 lagestroemia), via Mozzoni (20 tigli), ciclodromo Perona (34 alberi vari), nido infanzia Girotondo (12 legestroemia, 8 aceri), scuola Battisti (10 alberi), viale Bramante (26 lecci), viale Mazini (12 lagestroemia), viale Battiti (24 oleandri, 6 aceri), spartitraffico via Lessini e viale Borzacchini (30 piante varie), scuola Marconi (51 piante varie), parco sensoriale via Rossini (93 piante varie), parco Le Grazie basso (28 piante varie), viale Lungonera Savoia (66 piante varie), giardini via dell'Argine (30 piante varie), largo Villa Glori (5 liquidambar styraciflua).

Per l’anno in corso è in programma la potatura di circa 400 alberi (un quinto del totale). Sono stati abbattuti circa 100 alberi pericolosi e circa 100 sono le piantumazioni da effettuare per una spesa totale di oltre 295mila euro. Il totale della spesa di gestione del verde pubblico e del patrimonio arboreo sfiora il milione di euro.

Sono inoltre attive sponsorizzazioni per 54 aree verdi per una superficie complessiva di oltre 76.600 metri quadrati con contratti da 3 a 5 anni e un risparmio di quasi 270mila euro.

Il confronto col recente passato dice che tra il 2014 ed il 2017 complessivamente sono stati messia dimora 1266 nuovi alberi e 1960 arbusti.

Per quanto riguarda gli abbattimenti, sono stati 692 tra il 2014 ed il 2016, di cui 49 alberi caduti a terra e 212 abbattuti dopo la tromba d'aria del 5 marzo 2015; 297 alberi sono stati abbattuti nel 2017; 124 nel 2018, di cui 44 in viale Lungonera Savoia, 80 a tutela dell'incolumità pubblica e 50 da abbattere nei progetti in corso, per un totale di circa 1374.

Potrebbe interessarti

  • Laghi in Umbria, per un bagno rinfrescante o una passeggiata nella natura

  • Memoria olfattiva, come gli odori riportano alla luce i ricordi

I più letti della settimana

  • Turista ternano muore sulla spiaggia di San Benedetto del Tronto

  • Incidente stradale all'incrocio maledetto, le foto dello schianto. Tra i coinvolti una famiglia con due bambini

  • Incidente stradale, l'incrocio maledetto colpisce ancora: schianto tra due auto

  • Terrore in California, imprenditore ternano fra le pallottole di una sparatoria

  • Terremoto nella notte, l’epicentro fra Acquasparta e Massa Martana

  • Ermes Maiolica colpisce ancora: “bucata” la pagina ufficiale Facebook di Matteo Salvini

Torna su
TerniToday è in caricamento