Aceto, ecco quello che non sapete sul suo utilizzo in casa

Non solo qualità sgrassanti e igienizzanti, ma sono molti e molti gli utilizzi dell'aceto che non avreste mai pensato... eccone alcuni

Aceto, se ne parla continuamente come uno dei più portentosi (e allo stesso tempo comuni) rimedi naturali per molte situazioni diverse nella cura della casa.

Ecco invece alcuni degli usi meno conosciuti di questo liquido acidulo derivato dalla fermentazione dei liquidi moderatamente alcolici.

Cornici dorate ma più annerite

Chi di noi non ha in casa almeno una cornice dorata della nonna, che nel corso del tempo si è annerita? Per pulirla basta strofinarla con un batuffolo di cotone imbevuto di aceto. Risciacquare poi con acqua fredda e asciugarla con cura con uno straccio morbido.

Scarico del lavandino igienizzato

Per eliminare i cattivi odori all’interno dello scarico del lavabo, versarvi all’interno di tanto in tanto un litro di aceto ben caldo, in cui si è fatta sciogliere una manciata di sale grosso. Prima di far scorrere l’acqua lasciare agire per almeno un’ora.

Pulizia di teglie di porcellana e pirofile

Per eliminare i residui di cibo più ostinati su pirofile e teglie di porcellana, far bollire 60 ml di aceto bianco in 450 ml di acqua. Immergere nella soluzione le pirofile e lasciare a bagno tutta la notte. Il giorno seguente lavarle in acqua calda saponata.

Sgrassare le pareti del forno

Mescolare 180 ml di acqua bollente con 60 ml di aceto bianco e passare la soluzione sulle pareti del forno tiepido. Risciacquare con un panno inumidito con acqua.

Pulire a fondo il microonde

Se il vostro forno a microonde è davvero sporco, mettete all'interno mezzo bicchiere di acqua con quattro cucchiai di aceto di vino. Accendete il forno a una potenza medio alta per due-tre minuti. Una volta spento, attendete un altro paio di minuti prima di aprirla, così che il vapore sgrassante aderisca completamente alle pareti del forno. Infine, aprite lo sportello e passate una spugna su tutte le superfici, asciugandole poi con un panno.

Pavimenti in gres e cotto brillanti

Per lavare pavimenti in cotto, gres porcellanato e carmica come ad esempio anche i terrazzi, basta miscelre un bicchiere di aceto di vino bianco (o in alternativa aceto di mele) in tre litri di acqua calda. Il calore dell'acqua aumenta la capacità di detersione e  l'aceto sgrassi e lucida il pavimento, tenendo anche lontani i piccoli insetti.

Macchie di vernice addio

Se imbiancando casa o qualunque altro oggetto le goccioline di vernice hanno inesorabilmente macchiato i vetri delle finestre o il pavimento, basta passarvi sopra deòocatamente un panno imbevuto di aceto caldo.

Pulizia della piastra del ferro da stiro

Quando la piastra del vostro ferro da stiro inizia a non essre più così scorrevole sui panni, provate a strofinarla a caldo con uno straccio imbevuto di aceto, facendo particolare attenzione a non toccarla con le mani, per evitare scottature.

Rimuovere un adesivo

Non c'è niente di più odioso dei residui di un adesivo, che sia il prezzo su un oggetto in plastica, un adesivo su un armadio o altro. Ecco che basta inumidire la parte interessata con un tovagliolo imbevut oin aceto biacno caldo e staccare delicatamente i residui ammorbiditi, eventualmente anche con l'aiuto di una pinzetta.

Polvere sul computer

L'aceto è molto adatto alla pulizia del computer per le sue proprietà antistatiche. Questo liquido infatti previene e contrasta i frequenti accumuli di polvere. Preparate una soluzione composta per l'80% da acqua e per il 20% di aceto, spruzzatela su un panno e pulite il computer.

Gomme da masticare sui vestiti

Se avete degli odiosi residui di gomma da masticare su vestiti, inumidite la zona interessata con un po' di aceto bianco e lasciate agire per qualche minuto. Poi strofinate e il chewingum si stacccherà velocemente.

Pareti di casa ingiallite

Se le pareti di casa in alcune zone risultano ingiallite, ma non avete ancora programmato di rimbiancare la vostra abitazione, potete realizzare una soluzione detergente con acqua calda e un poco di aceto. Sono sufficienti 2-3 cucchiai di aceto di vino bianco in un catino con quattro litri di acqua calda. Imbevete una spugna con la miscela e strizzatela bene, eliminando il liquido in eccesso. Strofinatela sull'area ingiallita con movimenti circolari, con una minima pressione. Ripetete il passaggio con una spugna imbevuta di acqua pulita e sempre strizzata. Completate asciugando il muro con un panno morbido o asciugamano. Testate la soluzione prima in un punto più nascosto (tipo dietro ad un mobile).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pulire i termosifoni, quando e come si fa

  • Corrente elettrica, come risparmiare in bolletta nei mesi più freddi

  • Come costruire una serra fai da te per le proteggere le piante di inverno

Torna su
TerniToday è in caricamento