Via gli odori dagli utensili di legno in cucina

Piccoli accorgimenti semplici (ed economici) per una cucina sempre in ordine

Per chi in casa si dedica alla cucina, alcuni piccoli accorgimenti potranno risultare davvero utili nella gestione del quotidiano.

Ad esempio, vi sarà sicuramente capitato di notare che spesso gli utensili in legno si impregnano di odori e sapori di alcuni cibi e la cosa può risultare alquanto sgradevole. Usare il mestolo che sa di sugo per girare la crema pasticcera, infatti, proprio non va.

Vi sarete forse chiesti come poter eliminare, da tutti quegli utensili fatti di legno di cui sono piene le nostre cucine, gli odori dei vari cibi con cui vengono a contatto.

Si tratta certamente di una questione igienica, oltre che “estetica”. Infatti, oltre agli odori, possono rimanere invischiati nelle fibre del legno di mestoli, taglieri, ciotole e posate, così come possono permanere residui dei cibi con cui sono venuti a contatto.

Il metodo

Prendere ½ limone e strofinarlo sulla superficie; lasciare asciugare all’aria l’utensile; successivamente, lavarlo nuovamente come di consueto e aver cura di asciugarlo con cura prima di riporlo nuovamente.

In caso di odori persistenti, come ad esempio quello del pesce fresco, per procedere all’eliminazione completa sarà necessario utilizzare un po’ di bicarbonato di sodio. La sua azione igienizza ma soprattutto cattura gli odori rimasti. Fare una piccola pastella con acqua e bicarbonato e sfregare bene su tutto l’utensile. Toglierà tutti gli odori forti compresi quelli di aglio e cipolla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addobbare casa per Natale sì, ma farlo in maniera sicura

Torna su
TerniToday è in caricamento