Coronavirus, palazzo Spada diventa telematico: sindaco e assessori si riuniscono e decidono davanti al pc

Prima Giunta telematica della storia della città, si va verso l'organizzazione del primo consiglio comunale telematico: si dovranno mettere in collegamento oltre 40 persone tra primo cittadino, assessori, consiglieri e dirigenti di settore

La Giunta telematica

Palazzo Spada diventa telematico. E’ riuscita bene la prima riunione di Giunta in streaming. Il Covid-19 ha obbligato la macchina politica ad adattarsi e a riorganizzarsi alle necessità dettate dal virus. Il sindaco Leonardo Latini ha quindi firmato un decreto specifico per regolamentare le modalità di svolgimento della giunta comunale in videoconferenza come già avvenuto in altri Comuni. Sindaco e assessori insieme al segretario generale Giunta e dirigenti si sono collegati tra loro via etere per l’illustrazione delle proposte, tutti posizionati davanti ai propri pc, prevalentemente dalle loro case, per partecipare ai lavori della Giunta. Il tutto è durato circa un’ora e mezza senza intoppi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come appare prevedibile, è solo la prima di una lunga serie di giunte telematiche che si andranno a organizzare da qui alle prossime settimane, come del resto risulta scontato che analogo provvedimento verrà assunto anche per le riunioni del consiglio comunale. La conferma giunge dal presidente del Consiglio Francesco Ferranti, a cui spetta provvedere alla firma del decreto operativo sul cui testo stanno lavorando gli uffici Affari generali e Innovazione tecnologica: “Dopo il decreto del 18 marzo – spiega Ferranti – è fattibile effettuare consigli comunali remoti, si sta quindi studiando, così come avvenuto per la Giunta, la modalità per fare i consigli e le riunioni delle commissioni. Chiaro che è molto meno semplice in quanto occorre mettere in collegamento oltre quaranta persone tra assessori, consiglieri, segretario e quant’altro, valutare l’aspetto tecnico e i costi, però si farà. Del resto – puntualizza - non c’è da avere affanno, non ci sono scadenze imminenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la ricerca: ecco quale sarà per l’Umbria il “giorno zero”. La proposta: provare a riaprire gradualmente

  • Emergenza Coronavirus, una splendida notizia arriva dalla struttura del ternano: negativi tutti i test

  • Coronavirus, la mappa del contagio: stop ai pazienti positivi a Terni città. Il dato si rafforza e dà speranza

  • Coronavirus, una grande speranza si accende su Terni e provincia. L’analisi comparata

  • Coronavirus, l’aggiornamento dalla mappa del contagio: a Terni città tornano a salire i soggetti positivi

  • Fugge dalla finestra per scampare ai controlli e perde la cocaina. Ritrovato sul letto del torrente Serra privo di sensi

Torna su
TerniToday è in caricamento