Cure bluff contro artrite e sclerosi, tutti a processo

Terapie da 1.500 a 4.000 euro, l'accusa: erano inutili. Sei i rinvii a giudizio, si va in aula a novembre

Il tribunale di Terni

Truffa del dolore, tutti a processo. Saranno in aula il prossimo 27 novembre i sei che, arrestati nel settembre 2016 nell’ambito dell’operazione ‘Seven to stand’, ieri sono stati tutti rinviati a giudizio dal gup del tribunale di Terni, Federica Bona Galvagno, che ha così accolto le richieste del pubblico ministero Marco Stramaglia.

L’accusa per tutti è di associazione per delinquere finalizzata alla truffa, conseguenza della terapia che i sei avevano ideato e applicato su decine di persone residenti in tutta Italia per curare gravi patologie come l’artrite reumatoide e la sclerosi multipla. Una terapia che, secondo gli inquirenti, sarebbe stata però inutile oltre che piuttosto costosa, con tariffe per ogni paziente che variavano da 1.500 a 4mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A processo andranno dunque l’avvocato reatino Fabrizio De Silvestri, la fisioterapista Annalisa Grasso, l’ingegnere biomedico Edoardo Romani, il medico Pierluigi Proietti, il farmacista Giovanni Domenico Petrini e il ‘factotum’ Simone De Marco. Alcune delle presunte vittime – 72 il numero complessivo – si sono già costituite parte civile. Tra queste anche l’Associazione italiana sclerosi multipla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ternana-Avellino 0-0, rossoverdi al secondo turno preliminare dei Play Off

  • Incidente stradale, scontro frontale tra due auto: due fratelli perdono la vita

  • Chiude storica attività del centro cittadino a Terni: un altro piccolo pezzo della città ‘romantica’

  • Coronavirus, quattro nuovi casi positivi nel ternano: “Previsti ulteriori tamponi oltre il nucleo familiare coinvolto”

  • Più soldi in busta paga per 48mila lavoratori ternani: ecco a chi spetta il bonus a partire dal primo luglio

  • Terni, marito e moglie positivi al Covid: scatta l’isolamento, ricostruita la possibile catena dei contagi

Torna su
TerniToday è in caricamento