Allarme furti a Stroncone, i cittadini controllano le strade del territorio: siamo un centinaio e disarmati

Tra dicembre e gennaio c'è stato un incremento dei colpi: i ladri entrano in azione fra le 17 e le 21. "Le impronte digitali? Sono piccolissime, sembrano di donne o di adolescenti. Non ci vogliamo sostituire alle forze dell'ordine"

stroncone

“Non ci vogliamo sostituire alle forze dell’ordine, anzi. Capiamo le difficoltà nel coprire una zona vasta come la nostra”. La preoccupazione è forte nel comune di Stroncone, soprattutto nell’ultimo periodo. Se è vero che nel 2018 ci sono stati 28 furti in abitazione rilevati, il dato sale in modo esponenziale soprattutto tra la fine dello scorso dicembre ed il mese di gennaio. “Una media di un microfurto al giorno – sottolinea Marco Bruni – escludendo il colpo effettuato a Colle, dalle dinamiche completamente diverse”.

Un insieme di cittadini, armati del solo senso civico - è bene specificarlo - e desiderosi di ristabilire la tranquillità perduta. “Ci siamo organizzati attraverso un gruppo di whatsapp, comprendente circa 100 persone dai 30 ai 60 anni. Uomini e donne con l’obiettivo di limitare questa problematica che sta caratterizzando, in negativo, il nostro territorio. Riusciamo a coprire tutta l’area compresa da vocabolo Termine a Vascigliano-Aguzzo. Ognuno di noi può verificare se ci sono movimenti sospetti, attende circa dieci minuti per poi procedere con l’eventuale segnalazione ai carabinieri. Supportiamo le forze dell’ordine - osserva Bruni -  non vogliamo certo sostituirci e capiamo benissimo le difficoltà nel riuscire a coprire tutta l'area. In quest’ultimo periodo, però, i furti sono stati numerosi ed è cresciuta la paura. In fondo ci conosciamo un po' tutti, così è nata l’idea. Inoltre, sono ormai note dinamiche e modalità dei colpi”.

E qui il cittadino di Stroncone entra nei dettagli: "I furti avvengono prevalentemente tra le 17 e 21, in orari pericolosi perché le famiglie rincasano. I ladri, molto spesso, mirano a case con vie di fuga per potersela dare a gambe tra i boschi o i prati. Entrano prevalentemente dalle finestre, molto difficilmente rompendo qualcosa”. Cosa sottraggono? “Preziosi o contanti: orologi, catenine, bracciali, oggetti di questo tipo. Le impronte lasciate sono molto piccole, sembrerebbero di donne o adolescenti”. Come vi siete suddivisi? "Ci facciamo un giro, successivamente procediamo scattando eventuali foto a persone sospette o alle targhe delle macchine”. La tematica ha sollecitato l’intervento degli organi preposti: "Dalla giornata di ieri, il servizio delle forze dell’ordine, che ringraziamo per il lavoro che svolgono, è stato potenziato. Proseguiremo se sarà necessario a monitorare il territorio”.

Potrebbe interessarti

  • Laghi in Umbria, per un bagno rinfrescante o una passeggiata nella natura

  • Memoria olfattiva, come gli odori riportano alla luce i ricordi

I più letti della settimana

  • Terrore in California, imprenditore ternano fra le pallottole di una sparatoria

  • Terremoto nella notte, l’epicentro fra Acquasparta e Massa Martana

  • Tragico incidente, muore travolto dal proprio trattore

  • La vincitrice del Grande Fratello Martina Nasoni: "Dovrò operarmi nuovamente"

  • Giovani disoccupati, arriva l’assegno di “aiuto alla persona”: 300 euro al mese dalla Regione

  • Vandali alle terme, le vasche imbrattate con l’olio del motore: indagano i carabinieri

Torna su
TerniToday è in caricamento