Giovani, la grande fuga da Terni: ogni due giorni un under 40 fa le valige per andare all'estero

La situazione nella città dell’acciaio e in Umbria: persi quasi 300 milioni di valore aggiunto. Ma c’è anche qualcuno che ritorna

Nel decennio 2007-2017 sono stati 401.040 i giovani italiani tra 18 e 39 anni che hanno preso la strada dell’estero trasferendo la residenza. Sempre nel decennio, 128.633 sono invece rientrati, per cui il saldo emigrati-rientrati, ossia la perdita netta del Paese, è di 272.407 giovani.

In sostanza, in 10 anni l’Italia ha perso, in termini di giovani 18-39 anni emigrati all’estero, una popolazione pari a circa quella di Venezia.

Questo il quadro generale elaborato da Mediacom043 – diretta da Giuseppe Castellini - sull’emigrazione all’estero dei giovani dai 18 ai 39 anni sulla base dei dati Istat.

La Fondazione Moressa calcola che questa fuga dei giovani, nel decennio, sia costata all’Italia circa 16 miliardi di euro, pari all’1% del Pil (prodotto interno lordo) italiano: è infatti questo il valore aggiunto che i giovani emigrati potrebbero realizzare se fossero occupati in Italia. E questo vale per il saldo (ossia i giovani 18-39 anni emigrati meno quello rientrati), mentre se si prendono solo gli emigrati senza considerare i rientri il costo pagato dall’Italia è di circa 23,55 miliardi di euro, ossia l’1,47% del Pil.

L’Umbria nel decennio 2007-2017 ha visto emigrare all’estero 5.389 giovani italiani (non vengono considerati gli stranieri) tra 18 e 39 anni, sempre considerando solo i trasferimenti di residenza (che rappresentano la metà di quelli complessivi, ossia considerando anche coloro che hanno stabilito il domicilio all’estero, ma mantenuto la residenza in Umbria). Ne sono rientrati nello stesso periodo 1.613, per cui la perdita netta per la regione è di 3.776 giovani.

Facendo riferimento ai dati della Fondazione Moressa, questa fuga è costata all’Umbria nel decennio, considerando il saldo emigrati-rientrati, circa 210-230 milioni di euro di valore aggiunto regionale (su un totale di circa 21 miliardi di valore aggiunto della regione) che questi giovani emigrati potrebbero realizzare in Umbria se fossero occupati nella regione. Se si considerano solo gli emigrati, e non anche i rientrati, la perdita di valore aggiunto dell’Umbria sale, nel decennio 2007-2017, a circa 310 milioni.

Se si guarda all’anno iniziale (il 2007) e a quello finale (il 2017) del decennio considerato dal rapporto Mediacom043 su dati Istat, l’incremento del numero dei giovani umbri 18-39 emigrati all’estero è del 203,8% (erano 266 nel 2007, sono stati 808 nel 2017), inferiore alla media nazionale (+226,8%).

La situazione favorevole dell’Umbria rispetto alla media nazionale resta anche se, invece che al numero dei soli giovani 18-39 anni emigrati all’estero, si guarda al saldo (emigrati meno rientrati). Nel 2007, infatti, il saldo tra il numero dei giovani 18-39 anni emigrati dall’Umbria e quelli rientrati era di appena 112, cifra che sale a 629 nel 2017. L’incremento è quindi del 561,6%, rispetto all’866,5% della media italiana.

Guardando all’andamento delle province di Perugia e di Terni, il deflusso maggiore lo evidenzia quella di Perugia, ma se si guarda al saldo (ossia giovani emigrati meno quelli rientrati) la situazione si capovolge a sfavore della provincia di Terni. In sostanza, dalla provincia di Perugia i giovani emigrano all’estero – proporzionalmente al diverso numero di abitanti rispetto alla provincia di Terni – di più, ma tornano anche di più. I giovani che, invece, vanno via dalla provincia di Terni tornano assai di meno.

In dettaglio, nel decennio 2007-2017 dalla provincia di Perugia sono emigrati all’estero 4.022 giovani 18-39, mentre da quella di Terni se ne sono andati in 1.367, con una media che si avvicina ad un under 40 ogni due giorni. Se si considerano anche i rientri, la perdita per la provincia di Perugia è di 2. 997 giovani e quella di Terni pari a 779 giovani.

Se si fa il confronto tra il primo e l’ultimo anno del decennio 2007-2017 l’aumento dei giovani 18-39 emigrati all’estero dalla provincia di Perugia è del 207,4%, mentre la provincia di Terni segna +188,2%.

Ma se si guarda al saldo emigrati-rientrati, tra il 2007 e il 2017 la provincia di Perugia mostra un incremento del 475% (da un saldo tra emigrati e rientrati di 108 giovani nel 2007 a uno di 513 nel 2017), inferiore a quello della provincia di Terni che marca +2.900% (da un saldo di appena 4 giovani nel 2007 a uno di 116 nel 2017).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto no-cost, dopo il bluff arrivano le manette: arrestato l’amministratore della Vantage Group

  • Il saluto speciale di Daniela ai suoi clienti: “Vi terrò tutti nel mio cuore”

  • Tragedia della follia: uccide moglie e figlia e poi si suicida

  • Il sindaco Latini chiama a casa dei ternani: “Il comune ha attivato un nuovo servizio”

  • L’acciaio, la città operaia e il trionfo della Lega: il “caso” Terni fa il giro d’Europa

  • Trova a terra un portafoglio con 800 euro e lo restituisce al proprietario, protagonista della buona azione Francesco Ferranti

Torna su
TerniToday è in caricamento