Il treno più veloce del mondo che “parte” da Terni sta per sfrecciare in Italia: pronte due tratte per Hyperloop

“I progetti entro la fine del 2019”, ecco l’annuncio di Gabriele “Bibop” Gresta. Con la levitazione magnetica passiva si potrebbe andare da Milano a Bologna in 9 minuti

Anche se non mancano gli scettici, il progetto Hyperloop continua a viaggiare su binari velocissimi. Rimini, Bologna, Torino e Milano sono solo alcune delle tape che nei prossimi giorni porteranno Gabriele “Bibop” Gresta, ternano di 48 anni, ad incontrare alcuni potenziali investitori che nei prossimi mesi potrebbero trasformare in realtà il sogno di Hyperloop, il treno a levitazione magnetica passiva capace di viaggiare fino ad una velocità di 1.223 chilometri orari.

Sono 12 i progetti in fase di realizzazione in tutto il mondo ai quali se ne potrebbero aggiungere un paio destinati all’Italia. Gli studi di fattibilità della Hyperloop Trasportation Tecnologies (HyperloopTT) – di cui “Bibop” Gresta è co-fondatore e presidente - sono in fase avanzata e la società con sede a Los Angeles avrebbe già avviato trattative con esponenti del governo italiano per la realizzazione di due tratte da circa 150 km l’una.

Entro fine 2019 – spiega Gresta a Il Sole24Ore – insieme alle Regioni interessate contiamo di annunciare due progetti di fattibilità per il nostro sistema di trasporto in Italia. Al momento non posso dare dettagli sui percorsi, ma si tratta di due corridoi molto interessanti perché i nostri potenziali partner hanno già il diritto di passo acquisito”.

Oggi a Milano è in programma un investor day, “un incontro riservato – spiega l’imprenditore – durante il quale ci presenteremo a potenziali investitori, e dove annunceremo i nomi di una cordata di imprenditori italiani che hanno deciso di scommettere sul nostro rivoluzionario sistema di trasporti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sistema Hyperloop prevede di far viaggiare una capsula in carbonio per passeggeri e merci in un tunnel grazie ad una tecnologia a levitazione magnetica passiva, sviluppata in passato dalle forze armate Usa per scopi militari e di cui HyperloopTT ha ottenuto l’esclusiva mondiale per lo sviluppo in applicazioni civili. Un sistema che permetterebbe al treno di superare i 1.200 km/h viaggiando in un tubo interrato o appoggiato su piloni, senza quindi consumare suolo e consentendo, ad esempio, di andare da Milano a Bologna in 9 minuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, le “verità” del patologo: letalità inferiore al 2%, ecco cosa succede nei bambini. E smettiamo di credere ai cialtroni

  • Emergenza Coronavirus, mappa del contagio: a Terni città una conferma positiva che fa sperare

  • Coronavirus, la mappa del contagio: nuovi casi ad Arrone, San Gemini ed orvietano. A Terni superata quota 70

  • Medici, infermieri, forze dell’ordine e cassiere: test a tappeto per battere il Coronavirus. I dettagli del piano

  • Emergenza Coronavirus, la mappa del contagio: a Terni città tornano a salire i casi positivi

  • Coronavirus, la mappa del contagio: a Terni città si riduce nuovamente il numero dei casi giornalieri

Torna su
TerniToday è in caricamento