Giovani in fuga, ecco i Comuni del Ternano da cui gli under 40 “scappano”: la classifica

Polino è la realtà che in termini percentuali ha subito più perdite negli ultimi dieci anni. Dal 2009 al 2018 da Terni sono “scomparsi” più di cinquemila persone con età compresa tra 25 e 40 anni

Dopo una analisi generale sul “buco” dentro al quale l’Umbria ha visto precipitare una quota consistente dei suoi giovani tra 25 e 40, l’agenzia Mediacom 043 – diretta da Giuseppe Castellini – ha ora dettagliato la fuga, elaborando i dati su tutti i comuni della regione.

Ecco di seguito un focus sui municipi del ternano dal quale emerge che, in termini percentuali è stato il Comune di Polino a pagare sul territorio il prezzo più alto nell’ultimo decennio. Tanto è vero che nell’ultimo rapporto di Aur, Agenzia Umbria ricerche, il piccolo comune viene indicato come uno di quelli a rischio “estinzione” proprio a causa della mancanza di ricambio generazionale.

Da Terni, inoltre, dal 2009 al 2018 sono scomparsi oltre 5mila under 40. Il rapporto Medacom dice che in Umbria il numero dei giovani 25-40 crolla nell’ultimo decennio (2009-2019) del 21,9% (da 198.640 a 155.143, con un calo di 43.497 giovani) vedendo quindi sparire oltre un quinto dei propri giovani e marcando l’ottavo peggior risultato d’Italia.

All’Interno di questo dato, l’andamento della provincia di Terni è peggiore di quello della provincia di Perugia. Nel Perugino, infatti, la flessione del numero dei giovani 25-40 è del 21,1% (da 148.772 a 117.442, -31.330), mentre in provincia di Terni il calo è del 24,4% (da 49.868 a 37.701, -12.167). In sostanza, nell’ultimo decennio la provincia di Perugia ha perso oltre un quinto della propria popolazione tra 25 e 40 anni, mentre la provincia di Terni ne ha persa quasi un quarto. “E parliamo di numeri in cui sono compresi anche gli stranieri – rileva Mediacom - altrimenti le flessioni sarebbero più consistenti”.

Ecco di seguito i dati comune per comune.

Polino -70,7%, Parrano -44,1%, Acquasparta -37,3%, Porano -32,7%, Baschi -32,1%, Narni -30,8% (-1.305), Avigliano Umbro -30,8%, Arrone -28,6%, Ferentillo -27,9%, Otricoli -27,5%, Stroncone -26,5%, Fabro -26,4%Giove -24,3%, Penna in Teverina -24,1%, Montecchio -24%, Lugnano in Teverina 23,9%, Terni 23,5% (-5.781), Amelia -23,5% (-604), San Gemini 23,4%, Ficulle 23,3%, Montegabbione 22,8%, Montecastrilli -22,7% Castel Viscardo -22,6%, Alviano e Guardea -22%, Orvieto -20,4% (-856), Allerona -20%, Monteleone d’Orvieto -19,9%, Montefranco -18,1%, San Venanzo -16,3%, Calvi -11,7%, Attigliano -8,4%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fine di un'era, chiude storico locale del centro di Terni: "Costi elevati e nessun incentivo"

  • Morgan rifiuta la proposta di Terni città futura: “Mi permetto di sconsigliarvi il duplice invito”

  • Cinema Politeama, il gestore getta la spugna: “Investito tanto per rendere viva la città di Terni”

  • Samanta Togni ed il viaggio di nozze da sogno: “Anche il cielo ci ha voluto fare il suo regalo di nozze”

  • Coronavirus, i casi sospetti in Umbria mettono in allarme: gli infermieri scrivono alla Regione

  • Ternano nell’area al centro del contagio da Coronavirus: “Paura c’è. La percezione è diversa dalla realtà”

Torna su
TerniToday è in caricamento