Muratore fac-totum e negozi etnici: ecco le imprese straniere del Ternano

Le più numerose sono quelle con titolari di nazionalità rumena e albanese, in flessione le aziende cinesi. Terni, Parrano, Attigliano e Ferentillo le città con una maggiore presenza. Polino è ancora tutta “tricolore”

Lenta ma costante la crescita delle imprese straniere nel territorio Ternano, seppure l’incidenza rilevata in provincia è di due punti sotto la media nazionale.

Secondo i dati di fine 2018 elaborati dalla Camera di commercio di Terni, l’imprenditoria straniera nel territorio provinciale si conferma una componente strutturale del tessuto imprenditoriale, con 1.758 imprese registrate (l’8,1% del totale) di queste 1.346 sono micro imprese individuali (il 76%). Un dato di quasi due punti percentuali inferiore alla media nazionale che registra un’incidenza di impresa straniera al 9,9%. Al 31 dicembre del 2017 erano 1.649 le aziende in provincia di Terni a guida straniera.

Per quanto riguarda la nazionalità degli imprenditori, a Terni quella maggiormente rappresentata è la Romania con 421 imprenditori operanti sul territorio. Seguono Albania (236) e Marocco (165) mentre scivola al quarto posto l’impresa cinese con 131 imprenditori registrati. In coda ci sono India (99) e Pakistan (96). Tra i settori spiccano costruzioni, commercio e turismo. Verosimile leggere in queste cifre delle tendenze abbastanza diffuse come il muratore-fac totum che si mette in proprio, oppure la crescente presenza di negozi etnici (alimentari e non solo).

Il focus realizzato da Infocamere sulla penetrazione dell’impresa straniera nei Comuni della provincia registra l’incidenza maggiore delle imprese straniere individuali sul totale a Parrano dove il 15,6% delle imprese individuali sono a guida straniera (ad esclusione del territorio comunale di Terni dove ovviamente si raggiunge l’incidenza maggiore 18,6%). Seguono Attigliano (15%) Ferentillo (14,5%) e Fabro (9,8). Ancora tutta tricolore Polino dove non si registra alcuna impresa straniera sulle 10 ditte individuali operanti e appena due imprese a guida straniera ad Alviano dove operano invece ben 110 imprese individuali.

“Il sistema camerale realizzando questo prezioso report ha acceso i riflettori sul dato che vede l’imprenditoria straniera componente essenziale dell’economia italiana contando oltre seicentomila imprese su tutto il territorio nazionale. A confermare l’ampiezza di questo fenomeno i dati relativi agli insediamenti a livello comunale di attività economiche individuali – commenta il presidente della Camera di commercio di Terni, Giuseppe Flamini – i dati riguardanti la nostra provincia e i nostri Comuni confermano il trend nazionale, un trend in crescita che ha contribuito a mitigare l'effetto della contrazione complessiva del numero di aziende attive nella nostra provincia”.

Potrebbe interessarti

  • Piscine interrate, la soluzione migliore per arredare il giardino

  • Igiene del letto, quante volte cambiare le lenzuola?

  • Ecologia e colori brillanti, ecco la moda estate 2019

I più letti della settimana

  • Giovane ternano sfida il campione Nicolò Scalfi a 'Caduta Libera' su Canale 5

  • Incidente stradale sulla Marattana, coinvolti due autoveicoli

  • Incidente stradale, impatto tra moto ed autoveicolo in Valnerina

  • I ternani più famosi in Italia e nel mondo: ecco la classifica completa

  • Incidente stradale, due auto coinvolte in via Narni

  • Un architetto ternano alla corte dell'Expo di Dubai, secondo posto per costruire l'anfiteatro del futuro

Torna su
TerniToday è in caricamento