Università di Perugia e Zecca di Stato, nasce la rivoluzione della cellulosa

Accordo fra Ateneo umbro e Istituto poligrafico per l’utilizzo della nanocellulosa cristallina: cambiano banconote, farmaci e non solo

Il rettore Franco Moriconi, in rappresentanza dell’Università degli Studi di Perugia, ha sottoscritto l’accordo con l’Istituto poligrafico e zecca dello Stato italiano (IPZS) per lo sviluppo di un impianto per l’estrazione di nanocellulose cristalline da fibre vegetali.

La cellulosa nano cristallina, estratta per la prima volta a Perugia 7 anni fa, ha proprietà meccaniche e ottiche uniche.

Il brevetto, realizzato presso il Centro nazionale di ricerca sulle biomasse (inventori professor Franco Cotana ed altri) è di proprietà dell’Ateneo di Perugia.

La cellulosa nano cristallina ha decine di applicazioni: carte speciali ad alta resistenza, supercolle, protesi, capsule per i farmaci a rilascio ritardato usate nella terapia del tumore al colon, packaging per alimenti, rinforzo delle bioplastiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia della follia: uccide moglie e figlia e poi si suicida

  • Maltempo su Terni e provincia, allagamenti e disagi: ragazza al sicuro prima dell'arrivo della piena

  • Il sindaco Latini chiama a casa dei ternani: “Il comune ha attivato un nuovo servizio”

  • L’acciaio, la città operaia e il trionfo della Lega: il “caso” Terni fa il giro d’Europa

  • Incidenti stradali, a Terni il triste primato delle strade più pericolose dell’Umbria: ecco quali sono

  • Trova a terra un portafoglio con 800 euro e lo restituisce al proprietario, protagonista della buona azione Francesco Ferranti

Torna su
TerniToday è in caricamento