Sangemini, ecco il piano: 24 mesi di cassa, personale fuori solo su base volontaria e investimenti

Incontro in Regione tra azienda, sindacati. Cgil: soddisfatti dei passi in avanti. Cisl: lavoratori determinanti

Sembrano diradarsi le nuvole nere che negli ultimi mesi si erano addensati sopra la storica Sangemini. Gli esisti dell’incontro in Regione tra azienda e sindacati segna infatti un passo in avanti positivo nella vertenza aziendale che ora dovrà comunque trovare concretezza nell’assemblea dei lavoratori e nelle azioni che la proprietà metterà in campo.

Il canovaccio dell’intesa scaccia dall’orizzonte i presagi più pesanti. Via dal tavolo l’ipotesi di licenziamenti: fino al 2024 dall’azienda non ci sarà nessuna uscita di personale se non su base volontaria, pur a fronte di un periodo di cassa integrazione straordinaria di 24 mesi per riorganizzazione. Contemporaneamente, troverà spazio un piano di investimenti che l’azienda attuerà nel triennio 2019-2021 che sarà supportato da un piano di sviluppo commerciale e dalle relative politiche di marketing, “contenenti gli obiettivi di produzione e vendita dei diversi brand aziendali”. I risultati di questa politica industriale e commerciale saranno oggetto di un monitoraggio semestrale.

Sul piatto anche l’impegno della Regione ad attivare politiche di formazione per “rafforzare le competenze dei lavoratori in coerenza con gli investimenti aziendali”.

Siamo soddisfatti dei significativi passi avanti che abbiamo fatto grazie alla mobilitazione - affermano Michele Greco e Paolo Sciaboletta, per la Flai Cgil Umbria - perché oggi abbiamo messo nero su bianco che non ci saranno licenziamenti da qui al 2024 e abbiamo ottenuto garanzie per i redditi dei lavoratori e sul piano industriale. Ora comunque, la parola passerà ai lavoratori che dovranno esprimersi in assemblea sui contenuti dell'intesa”.

Si tratta di un primo passo grazie alla partecipazione dei lavoratori che saranno determinanti poi nelle assemblee, una volta che sarà trovata l’intesa. Passo dopo passo – dice Simone Dezi, della Fai Cisl – al fianco dei lavoratori e delle lavoratrici”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto, le parti torneranno a incontrarsi il 5 novembre per un tavolo tecnico finalizzato ad approfondire e specificare i contenuti del verbale sottoscritto oggi in Regione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzi morti, c’è un sospetto: ternano in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Il silenzio e poi le urla di dolore: Terni sotto shock per la morte di due ragazzini, indagini a tutto campo

  • Cronaca di Terni, tragica scomparsa di due adolescenti. Le reazioni: “Sgomento e dolore. Giornata di lutto cittadino”

  • Cronaca di Terni, trovati morti due adolescenti di 15 e 16 anni

  • Morte dei due ragazzi a Terni: le sostanze che probabilmente hanno causato il decesso di Flavio e Gianluca

  • Flavio e Gianluca, basta lacrime ipocrite: non serve il lutto cittadino, bisogna vietare l’ingresso agli spacciatori

Torna su
TerniToday è in caricamento