Angelica Trenta (M5S): “Con noi risorse certe per un teatro Verdi all'italiana”

C’è anche il futuro del teatro Verdi al centro dell’agenda politica della candidata per il Movimento 5 Stelle a sostegno di Bianconi

“Terni non deve e non può accontentarsi delle briciole. È anche con questo spirito che ho aderito alla possibilità di essere nella lista dei candidati per la Regione dell’Umbria, partecipando alle primarie interne e guadagnandomi la seconda posizione nella lista del Movimento 5 stelle.
Il dibattito sul Teatro Verdi a Terni sta prendendo una piega sconfortante rispetto alle possibilità che questa città merita”.

“Per il Verdi un concorso di idee, no a progetti scadenti”

"Concordo con chi sostiene come bisognerebbe partire da una gara pubblica, un concorso di idee, dove a vincere non siano i meno peggio, le visioni a breve termine, ma i migliori progetti - afferma la Trenta -. Concordo con i tanti professionisti del settore, uomini di cultura, attori e attrici che in questi giorni hanno fatto sentire giustamente la loro voce per sottolineare quanto il progetto voluto dalla nuova giunta sia inadeguato, scadente rispetto alle possibilità che la nostra Terni merita. E di migliori e fattibili progetti ce ne sarebbero stati, anche non violando i vincoli della Sovraintendenza, rispetto a quel “miniteatro” proposto dalla giunta leghista.
Ho sempre ritenuto imprescindibile l’idea di un rifacimento del teatro nello stile moderno all’italiana, idea che negli scorsi anni abbiamo portato avanti come Movimento 5 stelle in consiglio comunale inserendo tale proposta nel nostro programma elettorale fin dal 2014, quando ero candidata sindaco. Un progetto che valorizzi il nostro territorio, la nostra storia ed identità, le nostre radici nelle quali tutti i cittadini possono riconoscersi.
Mi prendo personalmente l’impegno, in qualità di candidata consigliere alla Regione Umbria, di portare avanti questo progetto per Terni qualora dovessi risultare eletta nella coalizione per Vincenzo Bianconi Presidente.
Terni merita risorse, anche europee, per il suo teatro: un teatro che sia degno della nostra città e non un progettino da campagna elettorale per accontentare pochi a discapito della nostra storia. Abbiamo un governo nazionale che guarda ai nostri territori, pronto ad intervenire per riportate l’Umbria allo splendore che merita. Cogliamo questa occasione. Anche la nostra Terni e il suo teatro avranno voce in questo nuovo capitolo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripartenza a Terni, l’idea originale di un’attività commerciale a tutela dei clienti: “Facile e funzionale”

  • Test a tappeto anti Covid19, tutti i comuni del Ternano coinvolti: luoghi, date e persone interessate

  • Comune di Terni, la proposta: “Rendere obbligatorio l’utilizzo delle mascherine durante gli spostamenti in luoghi frequentati”

  • Sciame di piccole scosse di terremoto nel territorio ternano: sale la preoccupazione

  • Momenti di tensione in piazza della Repubblica a Terni, interviene il servizio interforze

  • Crodino, patatine e coca: la questura chiude un bar di Terni

Torna su
TerniToday è in caricamento