Elezioni regionali, il sondaggio: il centrodestra è in testa, ma l’asse giallorosso è a un soffio

La rilevazione di Nicola Piepoli commissionata da Affaritaliani.it. La Lega è il primo partito, il Partito democratico stacca il Movimento 5 Stelle. Appaiati Fratelli d’Italia e Forza Italia

Se si votasse oggi, le elezioni regionali andrebbero appannaggio del centrodestra. Ma di un soffio. Sono questi i risultati di un sondaggio realizzato in esclusiva da Nicola Piepoli per Affaritaliani.it in vista dell’appuntamento elettorale del 27 ottobre prossimo.

Stando alle rilevazioni, la Lega di Mattino Salvini è oggi in Umbria il primo partito con percentuali che oscillano fra il 32 ed il 36%. Nella coalizione di centrodestra, Fratelli d’Italia e Forza Italia veleggiano attorno al 5-7% con altri del centrodestra (come Cambiamo di Giovanni Toti) fra 1-2%. La coalizione arriva dunque ad una ipotetica percentuale del 47,5% che varrebbe ad oggi la maggioranza in consiglio regionale.

Il sondaggio dice infatti che il Partito democratico è accreditato di una percentuale tra il 25 ed il 27%, un buon passo avanti rispetto al Movimento 5 Stelle (17-21%) per una somma “giallorossa) che arriverebbe ad un massimo del 45%, quindi indietro rispetto al centrodestra.

Poco o niente per gli altri partiti-liste che vengono accreditati del 6/9% dei consensi. Che potrebbero però rivelarsi essenziali visto che la sfida tra centrodestra e “civici” di Pd e M5S si deciderà all’ultimo tuffo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Samanta Togni presenta il nuovo fidanzato: "Ci siamo conosciuti per caso sul treno"

  • Scomparso da quasi un anno, ritrovato su un treno a Pisa. I poliziotti: era smarrito e confuso

  • Incidente stradale, uomo estratto dalle lamiere dopo impatto a tre

  • Incidente stradale, moto contro furgone: schianto terribile, ternano trasferito d’urgenza all’ospedale di Firenze

  • Nuova gestione per un locale storico della movida ternana

  • Alcantara, sessanta dipendenti a rischio mancata riconferma: “Seriamente preoccupati”

Torna su
TerniToday è in caricamento