Regionali 2019: “Di Maio come un serpente in muta propone l'accordo con Pd e Leu: che schifo”

Le dichiarazioni di Barbara Saltamartini e di Franco Zaffini dopo la proposta del capo politico del Movimento cinque stelle

regione

Un patto civico per l’Umbria. La proposta del capo politico del Movimento cinque stelle non è passata di certo inosservata. Le reazioni sono molteplici ed abbracciano virtualmente tutto il mondo politico, sia a livello locale che nazionale. Naturalmente ci sono anche le critiche a tale proposta. A tal proposito Barbara Saltamartini, commissario della Lega Terni, ha dichiarato: “Di Maio come un serpente in muta propone l'accordo con Pd e Leu per la Regione Umbria. Che schifo. L'Umbria cade per gli arresti nel Pd e fino a ieri il M5S aveva denunciato lo scandalo sanità della Marini, ora vanno a braccetto per la poltrona”. Gli fa eco Franco Zaffini di Fratelli d’Italia: “Ben venga anche in Umbria l’alleanza tra il Movimento 5 Stelle e il Partito democratico. Di Maio prova a imporre le regole confessando allo stesso tempo di non essere pronto a governare l’Umbria ma Verini, rispondendo che l’intesa si può praticare, sottostando alle condizioni dettate dal M5s, fa quasi tenerezza. Entrambi dovranno fare i conti dentro i rispettivi partiti dove non tutti staranno facendo i salti di gioia – sottolinea Zaffini - Le elezioni si vincono con i voti ma d’altronde l’alleanza col M5s rappresenta per il Partito democratico l’unico disperato tentativo di provare a non perdere in maniera umiliante l’Umbria alle regionali di ottobre. Lascia in ogni modo interdetti il livello di improvvisazione e di spregiudicatezza dei nostri rivali. L’elettore può però tirare un sospiro di sollievo perché così viene fatta chiarezza su un accordo meticcio che cancella con un colpo di teatro anni di contrapposizioni.

L’accordo, se vogliamo trovare qualcosa di buono, produrrà una semplificazione del quadro politico ripristinando finalmente il bipolarismo e non ci sarebbe più quel terzo partito, i grillini, a barcamenarsi tra chi governa e chi ha perso, a seconda della convenienza. Di certo questa operazione consentirebbe agli elettori di sapere in anticipo per chi votano senza correre il rischio, altissimo, di ritrovarsi a loro insaputa dinanzi ad accordi di palazzo che smentirebbero la preferenza espressa, realizzando quell’inganno che a livello nazionale si è materializzato con la costruzione del nuovo governo. L’Umbria dopo 50 anni di sinistra ha bisogno di chiarezza, di certezze per il proprio futuro e di una maggioranza stabile - conclude Zaffini -. Nonostante la comicità della situazione che vede due debolezze politiche, in questo caso non si può parlare di forze, che fino a ieri si sono attaccate, insultate, denunciate e tirate gli stracci in faccia, Fratelli d’Italia auspica anche in Umbria l’alleanza tra Pd e M5S”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Samanta Togni presenta il nuovo fidanzato: "Ci siamo conosciuti per caso sul treno"

  • Scomparso da quasi un anno, ritrovato su un treno a Pisa. I poliziotti: era smarrito e confuso

  • Incidente stradale, uomo estratto dalle lamiere dopo impatto a tre

  • Incidente stradale, moto contro furgone: schianto terribile, ternano trasferito d’urgenza all’ospedale di Firenze

  • Nuova gestione per un locale storico della movida ternana

  • Alcantara, sessanta dipendenti a rischio mancata riconferma: “Seriamente preoccupati”

Torna su
TerniToday è in caricamento