Il Divo e il Maestro, Enrico Valentini racconta Giulio Andreotti a cento anni dalla nascita

Gli scatti del fotografo ternano ripercorrono la vita privata e pubblica di uno dei più importanti statisti italiani. La mostra a Fiuggi fino alla fine di agosto | VIDEOINTERVISTA E FOTOGALLERY

Immagini capaci di fermare un attimo, di raccontare uno sguardo oltre al fatto di narrare storie, spesso private, di grandi personaggi e di raccontare un'epoca. Questa è la bravura dei veri grandi professionisti della macchina fotografica, questa è la bravura di Enrico Valentini: 'immortalare' grandi personaggi, attori, politici ma anche gente comune. Le foto di Enrico Valentini hanno fatto la storia, hanno girato il mondo.

Nato a Metz in Francia nel 1937, all'età di due anni si trasferisce a Terni. Enrico, per tutti è il ‘Maestro’, parte integrante della storia della fotografia e del giornalismo in Umbria. Non solo per la capacità di raccontare gli eventi attraverso scatti unici. ‘Maestro’ lo è forse e soprattutto di vita. Per la disponibilità, l’etica e per quella parola che fa sempre riflettere, come le sue fotografie.

Nel corso della sua lunga carriera professionale, ha collaborato con le maggiori testate giornalistiche italiane, periodici, agenzie stampa, settimanali, quotidiani. Il suo archivio fotografico è immenso, conta più di 210mila foto ed è stato ritenuto nel 2009 dalla Soprintendenza archivistica dell'Umbria "un vero patrimonio nazionale di grande interesse storico e documentaristico".

C’è la storia di più di mezzo secolo. Storia di Terni, dell’Umbria, del Lazio, e di quello che è sempre stato per lui l’avvenimento degli avvenimenti: il Festival dei Due Mondi a Spoleto. Da Menotti a Sofia Loren, da Luchino Visconti a Mastroianni e Claudia Cardinale. Ma anche Papa Giovanni Paolo II, Ciampi, Modugno, l'astronauta Leonov. E poi c’è lei: Brigitte Bardot, il “mito” degli anni Sessanta. Due le foto scattate alla diva, una mentre passeggia a Spoleto, l’altra al lago di Piediluco.

Numerose le mostre organizzate e allestite in varie parti d'Italia, come quella che è possibile ammirare in questi giorni a Fiuggi dedicata a Giulio Andreotti in occasione dei cento anni dalla nascita. Enrico racconta il politico ma anche l’uomo attraverso i suoi scatti. Nelle foto si vede un Andreotti 'diverso', ritratto come mai nessuno lo ha saputo cogliere. La mostra è visitabile fino alla fine di agosto.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: ottanta ternani in isolamento fiduciario. Via libera per chi non è partito del nucleo familiare

  • Cinema Politeama, il gestore getta la spugna: “Investito tanto per rendere viva la città di Terni”

  • Annuncio a sorpresa per il Bugatti di Terni: dopo i tanti attestati di solidarietà spunta la cordata per rilevarlo

  • Coronavirus, i casi sospetti in Umbria mettono in allarme: gli infermieri scrivono alla Regione

  • Ternano nell’area al centro del contagio da Coronavirus: “Paura c’è. La percezione è diversa dalla realtà”

  • Coronavirus, musicista ternano: “Quarantena e precauzioni. Vi spiego le linee guida che ho seguito in Cina"

Torna su
TerniToday è in caricamento