Commercio in “fuga” dal centro, Rossi: servono azioni concrete per sostenere i piccoli

Il consigliere di Terni civica in pressing sull’amministrazione comunale: basta con le scelte penalizzanti, ora un lavoro di squadra per proteggere il delicato equilibrio commerciale della città

Corso Tacito a Terni

Davide contro Golia. Ma non c’è soltanto la sfida dei grandi contro i piccoli, perché “troppe sono le problematiche del commercio nella nostra città. La recente apertura di un ulteriore centro commerciale ha fatto registrare una minore frequentazione del centro città e molte sono le apprensioni da parte dei piccoli imprenditori del commercio; il dibattito su questi temi è particolarmente acceso”.

Così Michele Rossi, capogruppo di Terni civica in consiglio comunale che interviene su un dibattito sempre accesso e che ha ripreso quota in città dopo la notizia del via libera da parte di Palazzo Spada all’ampliamento di Pianeta Cospea.

LEGGI – Cospea diventa più grande

“Su queste tematiche – sottolinea Rossi - occorre una visione d’insieme con la quale intervenire con azioni utili a sostenere e promuovere il tessuto del piccolo commercio della città, così come avviare un gran lavoro di squadra che possa portare, con il coinvolgimento di tutti gli interessati (associazioni e rappresentanti di categoria), ad una progettualità complessa e di sostegno. A parer mio, esiste un delicato equilibrio commerciale già ben compromesso da scelte del passato che hanno favorito taluni penalizzando il piccolo commercio. Dopo anni di nuovi pesanti insediamenti commerciali di grandi dimensioni, occorre fermarne con decisione l’apertura di nuovi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla “questione” Cospea, Rossi parla di una scelta che “ha già destato preoccupazione e indignazione perché interpretata come ulteriore possibile danno al resto del piccolo tessuto commerciale di questa città. È per questo che ho inteso interrogare l’esecutivo per conoscere l’iter di tale richiesta e le motivazioni del suo accoglimento e le valutazioni fatte da tutti i soggetti coinvolti nella conferenza dei servizi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cronaca di Terni, tentata aggressione al percorso fluviale dopo il fattaccio: “Ferito il mio cane”

  • Terni, movida “osservata speciale”: cani antidroga e telecamere, ecco le vie sotto controllo

  • “Lavoratori alla fame, nuovi disoccupati e famiglie nell’incertezza”, le Mascherine Tricolori a Terni

  • Il racconto del medico ternano negli Usa: "In psichiatria sempre più pazienti ricoverati per stress da virus"

  • Aggredita e ferita da un pitbull a Terni. La proprietaria inveisce contro la donna e fugge: denunciata

  • Uno “Tsunami” contro il virus: in Umbria cominciano raccolta e produzione del plasma iperimmune

Torna su
TerniToday è in caricamento