Comune di Terni: "Il sindaco Leonardo Latini moltiplica le poltrone"

La nota dei consiglieri del Gruppo misto Fiorini, D'Acunzo e Pincardini dopo la modifica allo statuto di TerniReti: "La strada che questa amministrazione sta percorrendo non è il cambiamento tanto sventolato"

Nel corso dell’ultima seduta del consiglio comunale è stata approvata – 17 voti favorevoli e 15 contrari - la modifica apportata allo statuto di Terni Reti Srl, società partecipata al 100% dal Comune di Terni. La stessa vuole sostituire l'Amministratore Unico con il Consiglio di amministrazione composto da 3 a 5 membri. A seguito di tale votazione sono scaturite una serie di reazioni dai banchi dell’opposizione, nello specifico Pd, Senso Civico e Movimento cinque stelle. I consiglieri del gruppo misto Emanuele Fiorini, Valeria D’Acunzo e Paola Pincardini esprimono il loro giudizio su quanto accaduto

 “La strada che questa amministrazione sta percorrendo non è il cambiamento tanto sventolato. Il sindaco Latini ha fatto riferimento alla legge Madia, ma questa nasce per semplificare la composizione dell’organo amministrativo e per il contenimento dei costi. Il sindaco si muove in controtendenza rispetto alla legge, cosa che neanche la giunta Di Girolamo aveva osato, tanto che proprio in ossequio alla legge Madia aveva tolto il Cda mettendo solo l’amministratore unico” – sostengono i firmatari - “Non solo. Perché ad un anno di distanza dal suo insediamento il sindaco non ha nominato l’amministratore unico? Il primo cittadino mi ha risposto - sottolinea il consigliere Fiorini - che tra i vari problemi c’è stato anche l’abbandono dell’assessore Dominici. Una boutade, in quanto tutti sappiamo che l’assessore è stato allontanato dallo stesso sindaco forse su ordine del “vero sindaco“ Barbara Salmartini. La delibera di Terni Reti Srl deve ora essere trasmessa alla Corte dei Conti e alla Struttura del Ministero dell’Economia e delle Finanze, cui spetta il controllo e l’approvazione della stessa. Io spero che questi due organi diano parere contrario, anche in virtù del dissesto finanziario del Comune, per non far ricadere altri oneri sui cittadini. Perché questa spesa andrebbe comunque a ricadere sui cittadini già gravati dalle tasse al massimo per le note vicende amministrative”. “Ma questa amministrazione - affermano i consiglieri Fiorini, D’Acunzo e Pincardini - non tutela i cittadini anche perché ha dato 51 posizioni organizzative ad altrettanti dipendenti comunali, oltre a due posizioni speciali, per una spesa complessiva annua di 580.000 euro. Questa giunta che dovrebbe guardare avanti sta, invece, guardando al passato remoto, peggio della passata amministrazione”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul terreno di gioco, muore Alfredo Battella: il cordoglio di Ternana, Narnese ed Orvietana

  • Terni On, Max Gazzè a piazza Europa: "Invitiamo i cittadini a partecipare"

  • Travolto e ucciso da un’auto il cane degli artisti di strada in via Aleardi

  • Rinvenuto corpo senza vita in un'abitazione di via Botondi

  • Allarme bomba, linea ferroviaria interrotta: disagi e ritardi per pendolari e viaggiatori

  • Psicosi Samara Challenge, la maschera che spaventa i passanti arriva a Terni

Torna su
TerniToday è in caricamento