Festa della Lega, Grimani attacca Saltamartini: campionessa di trasformismo e cambio di poltrona

Il senatore del Partito democratico critica l’evento del Carroccio a San Gemini: è stato scorretto concedere il parco delle fonti, il partito del fannullone Salvini ha compiuto un disastro nei 14 mesi di governo

I fuochi d’artificio anticipano la festa provinciale della Lega in programma i prossimi 6 e 7 settembre al parco delle fonti di San Gemini. A dare fuoco alle polveri è il senatore del Partito democratico, Leonardo Grimani, ex sindaco della città delle acque e segretario comunale di Terni del Pd: “È stato scorretto concedere il parco al Carroccio” che è un partito in cui ci sono “campioni di poltronismo”.  

“Il parco delle fonti – riflette Grimani - è gestito dalla pro loco di San Gemini, emanazione del Comune: ritengo positivo che durante l’anno dei volontari si adoperino per consentirne l’utilizzo, ma è bene ricordare che quel parco è tuttora sottoposto ad asta giudiziaria perché rientrava nell’ambito del fallimento della Sangemini e non fu rilevato dall’attuale proprietario dello stabilimento, la famiglia Pessina. Pertanto è incredibile e scorretto che questo venga concesso ad una forza politica per una festa di parte. Esistono delle regole che, anche se non scritte, attengono al campo dell’opportunità e questa scelta è francamente inopportuna, anche in considerazione del fatto che il parco, un vanto per la città, mai prima d’ora era stato utilizzato per feste politiche”.

“Questa festa – rileva ancora il senatore dem - verrà utilizzata per insultare il Pd, con offese gratuite, inaccettabili, che nulla hanno a che vedere con il confronto politico. Se poi consideriamo da quale pulpito vengano le offese, la cosa è ancora più singolare. Piuttosto, l’onorevole Saltamartini e il ministro Salvini dovrebbero riflettere sul disastro dei loro 14 mesi di Governo: lasciano un Paese fermo, inchiodato a terra con crescita zero e disuguaglianze intatte, anzi, semmai aumentate. Una montagna di propaganda che ha prodotto il topolino della recessione”.

“Quanto alle accuse di poltronismo rivolte al Pd, francamente viene ancora più da sorridere: arrivano dal fannullone Salvini, che ha 46 anni e da 26 fa un salto da una poltrona all’altra ricevendo stipendi altissimi. Il suo tasso di assenteismo al parlamento europeo prima, in Senato e al ministero dell’Interno poi è certificato dai numeri. E arrivano da Barbara Saltamartini, che tutti sanno come possa ritenersi una campionessa di trasformismo e cambio di poltrona: la ricordiamo nel Msi, poi in An, quindi nel Pdl e poi – udite, udite - nel Nuovo centro destra di Alfano, fervida sostenitrice del Governo Renzi fino al febbraio 2015. Salvo poi trasmigrare nella Lega per avere una elezione sicura nella competizione elettorale del 2018”.

Secondo Grimani, dunque, la Lega non fa altro “lanciare strali ed offese al solo scopo di solleticare la pancia di un elettorato cui far digerire lo strappo di un leader che si credeva onnipotente ed al di sopra della legge”. Il Carroccio dovrebbe piuttosto guardare “in casa propria, dando un’occhiata ai disastri compiuti nel governo nazionale dal quale si sono estromessi” e riflettere sul fatto che “esiste una realtà dalla quale non si può sempre fuggire con la propaganda e con la mistificazione”.

“Ovviamente – è la ‘sfida’ di Grimani - il sottoscritto non si tira indietro: sono disponibile sempre, dovunque e comunque ad un faccia a faccia elettorale in pubblico con la commissaria della Lega, pur di porre fine a questi sproloqui poco attinenti alla realtà e confrontarci invece nel merito dei fatti, senza affidarsi ai soli slogan”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo su Terni e provincia, allagamenti e disagi: donna al sicuro prima dell'arrivo della piena

  • Tragedia della follia: uccide moglie e figlia e poi si suicida

  • Maltempo a Terni, fiume Nera a rischio esondazione: peggioramento nelle prossime ore

  • Incidenti stradali, a Terni il triste primato delle strade più pericolose dell’Umbria: ecco quali sono

  • L’acciaio, la città operaia e il trionfo della Lega: il “caso” Terni fa il giro d’Europa

  • Pericoli a Terni, la buca più ‘chiacchierata’ della città diventa un simbolo

Torna su
TerniToday è in caricamento