Carsulae, Giuli: si farà il possibile per garantire i lavoratori, ma basta alzare inutili polveroni

Nuovo bando per la gestione del sito archeologico e della cascata, il vicesindaco di Terni interviene sulla clausola sociale: evitiamo strumentalizzazioni se vogliamo bene alla nostra città

Giuli e Latini a Carsulae

“Siamo a pochissimi giorni dal termine per la presentazione delle offerte di un bando decisivo per la nostra città e avrei preferito non intervenire. Ma vedo che, per l’ennesima volta, non c’è verso di evitare polemiche e polveroni (e non mi riferisco ai lavoratori) che non fanno bene al sereno concludersi di questo iter di gara”. Lo scrive in una nota diffusa questa mattina, 8 luglio, il vicesindaco e assessore al turismo e alla cultura di Terni, Andrea Giuli.

“Il tema della clausola sociale per i lavoratori del sito di Carsulae (così come altre questioni legate al bando) verrà affrontato nelle prossime ore in un nuovo incontro già previsto fra Comune e sindacati”.

“Per quel che mi riguarda, nei limiti delle competenze, funzioni e responsabilità di ciascuno degli attori in campo, posso dire che si farà il possibile per garantire tutela del lavoro e professionalità, come già accadde in relazione all’attuale bando in corso per la gestione della cascata”.

“Il nostro impegno c’è e ci sarà. Conosco molti dei lavoratori della cascata e di Carsulae, ci parlo spesso e posso testimoniarne l’abnegazione e la competenza”. 

“Leggo, infine, in solerti comunicati, di astrusità quali una presunta intenzione di questa amministrazione ‘pronta ad annullare l’affidamento in gestione, preferendo una gestione in house tramite la municipalizzata TerniReti’. Non scherziamo. Adesso c’è un bando in corso che deve espletarsi in tutte le sue tappe”.

“La nostra priorità – continua il vicesindaco Giuli - è aggiudicare la gestione della cascata e di Carsulae in un auspicabile circuito turistico-culturale che non potrà che giovare allo sviluppo della nostra comunità”.

“Leggo, altresì, di non meglio precisate perdite di ore di lavoro alla cascata con il ‘varo della gestione diretta del Comune’. Ricordo che la gestione diretta, necessitata da una complessa fase di transizione tra un bando e l’altro, si è svolta limitatamente ai mesi di gennaio e febbraio 2019 e che non c’è stata alcuna ora di lavoro persa, essendo stata la cascata gestita in quei due mesi esclusivamente dai dipendenti comunali. Ricordo anche che non vi è alcuna incertezza nella gestione della cascata, in questo momento affidata tramite bando Mepa ad una Ati. I numeri di giugno parlano chiaro”.

Se vogliamo davvero bene alla nostra città – conclude Giuli -  invito ancora una volta tutti al massimo senso di responsabilità e ad evitare strumentalizzazioni. In questo senso sarebbe utile fare tesoro delle sagge parole dell’attore Luca Violini alla fine dello spettacolo al teatro romano di Carsulae. Questa città deve cambiare passo e atteggiamenti, o non ci sarà futuro”.

Potrebbe interessarti

  • L'alcol denaturato e i suoi utilizzi per la pulizia della casa: una guida

I più letti della settimana

  • Terrore nel pieno centro di Terni: feriti un carabiniere e un dominicano

  • Comune di Terni, 126 nuove assunzioni: come fare per partecipare

  • Incidente stradale, un ferito grave all'ospedale

  • Giovane originario di Montecastrilli a Caduta libera: partita la sfida al nuovo campione

  • Chiede l’elemosina, ma è un incubo per tutti: denunciato per accattonaggio molesto. È la prima volta

  • Auto no-cost, scatta l’indagine dell’Antitrust: pratiche commerciali scorrette

Torna su
TerniToday è in caricamento