Social, polemiche strumentali e grandi assenti: una campagna elettorale anomala a Terni

Il prossimo 27 ottobre si terranno le consultazioni regionali in tutta la regione, a Terni c’è chi si da molto da fare e chi invece ancora non si è fatto vedere

Terni

E’ una campagna elettorale anomala, unica sotto certi punti di vista nel suo genere. Non si fa riferimento semplicemente all’accordo Pd-Movimento cinque stelle alle prossime elezioni regionali che riguarda il supporto al candidato Vincenzo Bianconi. La riflessione invece è spostata sulle modalità, le tempistiche, le presenze e gli argomenti fin qui trattati.

Lega e Salvini pigliatutto: una presenza costante sul territorio

Che sia una competizione particolarmente importante per la Lega lo testimonia la presenza costante sul territorio di Matteo Salvini. Il leader della Lega infatti ha già dragato diverse località della provincia e stamattina sarà di nuovo a Terni. Il Carroccio scommette sulla propria candidata Donatella Tesei ed è consapevole che conquistare una regione tradizionalmente di sinistra, o centrosinistra rappresenterebbe un punto a proprio favore per gli scenari e le dinamiche politiche anche a livello nazionale. Naturalmente in questa corsa prendono parte Fratelli d’Italia e Forza Italia. In questo caso ‘big’ cercasi anche se per il partito della Meloni la campagna elettorale è comunque piuttosto visibile soprattutto a livello social media. Per gli azzurri invece si assiste ad un impatto meno tangibile e probabilmente un fattore incidente è stata la composizione della lista non gradita a tutte le componenti

Pd grande assente

Il grande assente, almeno al momento, di questa campagna elettorale a Terni è proprio il Partito Democratico. Il segretario Nicola Zingaretti soltanto domenica 6 ottobre, ed a distanza di ben un mese dall’apertura ufficiale della campagna elettorale della Lega, è arrivato a Ponte San Giovanni per supportare il candidato Bianconi. I Dem assistono da spettatori in tribuna senza essere intervenuti anche in questioni particolarmente sentite per il territorio. Come per Forza Italia le problematiche possono essere riscontrabili all’interno di un partito che a livello territoriale paga l’inchiesta Concorsopoli e la scissione dei cosiddetti ‘Renziani’. Come è noto il Ministro Luigi Di Maio e capo politico del Movimento cinque stelle ha sostenuto Bianconi in una due giorni iniziata con la visita a San Gemini, per poi proseguire nella città dell’acciaio.

Politica strumentale

Alla fine ci si ‘cade’ sempre. Un post su facebook o una dichiarazione, per scatenare la solita propaganda politica strumentale. Il ricorso al rimbalzo di responsabilità sul tema dei migranti piace così tanto ormai da coinvolgere un po' tutti. ‘Piace’ così tanto che infatti la nostra redazione ha tentato di moderare tutti i commenti della pagina facebook poiché avere un’idea è un conto, esprimerla in modalità offensive e denigratorie è un altro. Evidentemente come ha sottolineato Thomas De Luca si sta: “Dimenticando che dietro a questa becera propaganda ci sono persone”. E naturalmente argomenti particolarmente importanti per la città ed il suo futuro passano in secondo piano. Come si rischia di avere una rappresentanza ternana davvero esigua in consiglio regionale, ma questo ne daremo conto alla chiusura delle urne

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Samanta Togni presenta il nuovo fidanzato: "Ci siamo conosciuti per caso sul treno"

  • Scomparso da quasi un anno, ritrovato su un treno a Pisa. I poliziotti: era smarrito e confuso

  • Incidente stradale, uomo estratto dalle lamiere dopo impatto a tre

  • Incidente stradale, moto contro furgone: schianto terribile, ternano trasferito d’urgenza all’ospedale di Firenze

  • Nuova gestione per un locale storico della movida ternana

  • Alcantara, sessanta dipendenti a rischio mancata riconferma: “Seriamente preoccupati”

Torna su
TerniToday è in caricamento