Servizi sociali, Cecconi accelera: rischiavamo di perdere quasi un milione di euro

Assistenza ai minori, mediazione famigliare, trasporto disabili: ecco il dettaglio degli interventi. L’assessore: mettere le risorse a disposizione dei cittadini fino all’ultimo centesimo

“Ho chiesto di rimodulare i fondi, oltre 974mila euro, che dalla passata amministrazione rischiavano di finire persi per l’assenza di progetti. Come richiesto dalla Regione stessa, ho rimesso a sistema e rimodulato le varie voci, restituendo e inviando subito il dettagliato cronoprogramma degli investimenti”.

L’assessore al Welfare, Marco Cecconi, fa pressing sull’assessore regionale alla Sanità, Luca Barberini, per ribadire il concetto e fare il punto della situazione. Lunedì scorso l’incontro tra i due. “Le questioni che ho posto all’attenzione di Barberini – spiega Cecconi - sono state i fondi Por-Fse e Agenda Urbana, la nuova riprogrammazione a recupero dei ritardi che si sono accumulati sino al primo semestre 2018. Obiettivo: mettere a disposizione dei nostri concittadini tutte le risorse disponibili. Fino all’ultimo centesimo”.

Obiettivi concreti, rimarca Cecconi, nel DUP 2018-2020, soldi che rischiavano il definanziamento a causa dei ritardi accumulati in passato. Sono pertanto ora previsti, per il 2019, interventi per 947.865 euro. Tra gli interventi figurano circa 18mila euro per la mediazione familiare, l’assistenza domiciliare ai minori per 205mila euro circa, l’assistenza ai disabili adulti per 71mila euro.

“Vorrei anche precisare - aggiunge l’assessore - che è stato rinnovato il quadro giuridico che regola il sistema delle relazioni tra il Comune e la Asl 2 per la gestione dei servizi sociosanitari in regime di delega. Allo stesso tempo è stato avviato il processo di rimodulazione del pacchetto dei servizi in delega che sarà completato entro il 30 giugno 2019 con la reinternalizzazione dei servizi di integrazione socio lavorativa (per un budget di 80.000 euro/anno, ndr) e dei servizi di assistenza al trasporto scolastico degli studenti con disabilità (per un budget di 106.000 euro/anno, ndr)”.

“Sempre entro il 30 giugno 2019 – prosegue - andrà a regime il sistema dei titoli sociali con una prima sperimentazione relativa al servizio di trasporto delle persone con disabilità presso i centri residenziali che produrrà una riduzione dei costi stimabile in 100.000 euro l’anno”.

Potrebbe interessarti

  • Laghi in Umbria, per un bagno rinfrescante o una passeggiata nella natura

  • Casa nel caos? Niente paura, arrivano i metodi per imparare a tenere tutto a posto

I più letti della settimana

  • Terrore in California, imprenditore ternano fra le pallottole di una sparatoria

  • Terremoto nella notte, l’epicentro fra Acquasparta e Massa Martana

  • Tragico incidente, muore travolto dal proprio trattore

  • La vincitrice del Grande Fratello Martina Nasoni: "Dovrò operarmi nuovamente"

  • Giovani disoccupati, arriva l’assegno di “aiuto alla persona”: 300 euro al mese dalla Regione

  • Uomo trovato morto in un campo, indaga la polizia scientifica

Torna su
TerniToday è in caricamento