Terremoto nel Pd, lasciano il consigliere Valdimiro Orsini e Sara Giovannelli

Il consigliere: "Sono troppi anni che il Pd in Umbria è caratterizzato da una guerra folle tra gruppi di appartenenza o provenienza. Una guerra che ha distrutto la vitalità, la capacità di essere sintonizzati con la società umbra e ternana"

l consigliere comunale Valdimiro Orsini lascia il Pd e aderisce al Gruppo Misto. Questa mattina Orsini ha inviato una lettera al presidente del consiglio comunale di Terni, al capogruppo del Partito Democratico, al commissario provinciale del Pd, al segretario Pd  del Circolo Borgo Bovio, ai cittadini Ternani e agli elettori. Ecco il testo della missiva: "E’ con commozione ma con profonda convinzione che  vi comunico che intendo  iscrivermi al gruppo misto e di riconsegnare quindi la tessera del Partito Democratico.
Si tratta di una scelta maturata definitivamente all’indomani della presa d’atto del risultato delle elezioni regionali. Un risultato che sancisce la fine di un’ era di governo che per decenni è riuscita a dare all’Umbria prospettive, benessere, un ruolo nazionale e nel Mondo, ma che negli ultimi anni aveva oggettivamente concluso la sua spinta, con l’incapacità del Partito di essere inclusivo, di raccogliere le idee  e le personalità migliori di questa regione, nonché di perdere il rapporto con tutti noi cittadini alle prese con i problemi di tutti giorni: il lavoro per i figli, l’accesso ai servizi, le infrastrutture  pensate con logiche elitarie e antiquate – mi riferisco all’aeroporto o alle piastre logistiche – e non per essere utili ai pendolari e alle imprese.
Sono troppi anni che il Partito Democratico in Umbria è caratterizzato da una guerra folle tra gruppi di appartenenza o provenienza. Una guerra che ha distrutto  la vitalità, la capacità di essere sintonizzati con la società umbra e ternana e che si è riversata sull’ultimo appuntamento elettorale, quello delle regionali, con liste incapaci di raccogliere il mondo del lavoro, dei giovani, del volontariato ma pensate solo per assicurare posizioni di rendita a chi non è capace di fare un passo indietro per lasciare posto all’autentico rinnovamento.
In questi lunghi anni di militanza nel Pd sono strasicuro di aver dato molto e di aver ricevuto solo ed esclusivamente il consenso degli elettori.  Al Comune di Terni sono stato impegnato nel duro lavoro di consigliere comunale, prima anima critica di una maggioranza che purtroppo si è schiantata sotto il peso di errori interni e di pressioni esterne e ora anima di una opposizione impegnata nel rispetto delle regole e del bene della città.
Chiaramente rimango a servizio della città, di una Terni che ha bisogno di rappresentanza sui temi della correttezza amministrativa, del governo cittadino intenso non come soddisfazione dei soli gruppi di riferimento ma della città nel suo complesso, siano  i temi ambientali – molto trascurati anche da questa amministrazione di destra – che quelli della qualità di una città che purtroppo continua ad essere  mal tenuta.
Chiaramente continuerò a credere profondamente nei valori della solidarietà, del lavoro, della coesione sociale, ponendomi in maniera antagonista a una destra esclusivamente a trazione leghista che è stata abile e furba a cavalcare e alimentare le paure legate ai cambiamenti che sono in corso.
Continuerò il mio impegno in politica convinto che è possibile lavorare a una Terni e una Umbria che sapranno fare del cambiamento una opportunità, della crisi una ripartenza, della diversità una ricchezza.
Seppur nell’onda lunga di questa destra che sembra solo interessata a costruire nuove situazioni di potere, ci sono le condizioni per raccogliere intorno a un progetto di una nuova  Terni tutte le persone che hanno voglia di dire e fare qualcosa, lontano dai partiti, dai loro schemi, dalle loro logiche autoreferenziali.
Nel ringraziarvi dell’attenzione auguro a tutti gli amici con i quali ho condiviso un lungo percorso le migliori fortune politiche e personali
".

Sulla stessa linea Sara Giovannelli: "Nel condividere la scelta e le motivazioni di Valdimiro, comunico che anch'io consegno le dimissioni dal Partito democratico.
Tale scelta, mio malgrado, é inevitabile e conseguente a comportamenti, scelte politiche di metodo, di gestione del partito, di atteggiamenti di faida continua che questa comunità ha vissuto e che ho subito in prima persona.
Da ultimo, il commissariamento del partito regionale, le modalità di scelta dei candidati, fatte in maniera non condivisa ma al contrario, dettate dall'alto hanno fatto il resto. Nel ringraziare  per il tempo che abbiamo condivido, mi tengo il ricordo dell'esperienza maturata che mi ha indubbiamente formata".

E poi arriva anche il commento del commissario straordinario Lega Terni Barbara Saltamartini:"Dopo la sonora sconfitta della coalizione Pd-M5s in Umbria è iniziata l’autodistruzione del Pd con Renzi che aleggia sulle rovine ... ed è così che a Terni il consigliere Valdimiro Orsini riconsegna la tessera e passa al misto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto no-cost, dopo il bluff arrivano le manette: arrestato l’amministratore della Vantage Group

  • Il saluto speciale di Daniela ai suoi clienti: “Vi terrò tutti nel mio cuore”

  • Tragedia della follia: uccide moglie e figlia e poi si suicida

  • Il sindaco Latini chiama a casa dei ternani: “Il comune ha attivato un nuovo servizio”

  • L’acciaio, la città operaia e il trionfo della Lega: il “caso” Terni fa il giro d’Europa

  • Trova a terra un portafoglio con 800 euro e lo restituisce al proprietario, protagonista della buona azione Francesco Ferranti

Torna su
TerniToday è in caricamento