Sanità, “infornata” di nomine: ecco tutti i nuovi direttori generali della Usl 2

Le decisioni del commissario straordinario Imolo Fiaschini, i dirigenti resteranno in carica fino al 2022. I nomi e le esperienze professionali

Un ricordo commosso dello stimato amico e collega recentemente scomparso, dottor Carlo Farneti, direttore del dipartimento dell’area chirurgica nonché direttore della struttura complessa di ortopedia e traumatologia dell’ospedale di Foligno, ha preceduto la nomina da parte del commissario straordinario della Usl Umbria 2, Imolo Fiaschini, dei direttori dei dipartimenti aziendali della azienda sanitaria che rimarranno in carica per tre anni, fino al 2022. All’incontro, oltre a Fiaschini, hanno preso parte il direttore sanitario, Pietro Manzi, e il direttore amministrativo, Enrico Martelli.

Alla guida dei dipartimenti aziendali sono stati nominati:

Massimo Bracaccia, direttore del dipartimento Area Medica (Delibera n. 259 del 22/05/2019). Coordinatore della rete aziendale della diabetologia, vanta una trentennale esperienza maturata in campo internistico. Direttore della struttura complessa di medicina generale e d’urgenza dell’ospedale Santa Maria della Stella di Orvieto, è componente del gruppo di studio multidisciplinare regionale per i carcinomi della tiroide e del gruppo multidisciplinare regionale per i tumori neuroendocrini

Giorgio Maragoni, direttore del dipartimento emergenza accettazione. Dal 2001 direttore di struttura complessa di cardiologia del presidio ospedaliero San Matteo degli Infermi di Spoleto nonché dal 2017 direttore ad interim della struttura complessa di cardiologia del presidio ospedaliero San Giovanni Battista di Foligno. Vanta 92 pubblicazioni in lingua italiana e inglese su argomenti dì patologia cardio-vascolare.

Mauro Zampolini, direttore del dipartimento di riabilitazione. Specialista in neurologia e medicina fisica e riabilitativa, da molti anni alla guida dei dipartimento, è presidente eletto della Società italiana di riabilitazione neurologica, presidente della Specialistica europea in riabilitazione (UEMS-PRM), membro dell’Accademia europea di medicina riabilitativa (EARM), nonché docente per l’Università di Perugia.

Fabrizio Damiani, direttore del dipartimento materno infantile. Specialista in ginecologia ed ostetricia, direttore ostetricia e ginecologia dell'ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto. Da quindici anni, da quando è direttore di struttura complessa, esegue circa mille interventi chirurgici/anno e 500 parti/anno.

Silvio Canino, direttore del dipartimento di patologia clinica. Direttore di struttura complessa laboratorio analisi, esperienza di presidente della sezione umbra dell’Aipac (Associazione italiana patologi clinici) ed attualmente segretario della sezione umbra della Sipmel (Società italiana di patologia clinica e medicina di laboratorio).

Gianfranco Pelliccia, direttore del dipartimento di diagnostica per immagini. Esperto di diagnostica oncologica con esami PET-TC, TAC e risonanza magnetica nucleare. Iniziatore e responsabile, dal 2005, del centro PET-TC dell’ospedale San Giovanni Battista di Foligno, punto di riferimento regionale. Promotore di sviluppo di nuove metodiche diagnostiche come la TC ed RMN cardiaca e la risonanza magnetica prostatica

Fausto Bartolini, direttore del dipartimento di assistenza farmaceutica. Oltre vent’anni di esperienza nell'assistenza farmaceutica territoriale e nell'assistenza farmaceutica ospedaliera, direttore del dipartimento di assistenza farmaceutica della Asl 4 provinciale di Terni prima e dell’Azienda Usl Umbria 2 poi, vanta un’esperienza nazionale nel settore acquisti beni sanitari, coordinatore nazionale per lo sviluppo dei capitolati di gara sui beni sanitari per conto della Società italiana di farmacia ospedaliera e dei servizi farmaceutici territoriali (Sifo), dell’Associazione di provveditori (Fare) e del progetto SIFO-FARE.

Sonia Biscontini, direttore del dipartimento delle dipendenze. Psichiatra e psicoterapeuta con formazione gruppo-analitica, con master in “Farmacologia e farmacoterapia dei disturbi dell’umore” e “Manager di direzione sanitaria”. Dal 1981 lavora nel settore delle dipendenze, direttore del dipartimento delle dipendenze fin dal 2000.  Membro effettivo della consulta nazionale sulle dipendenze presso la presidenza del consiglio dei ministri negli anni 2007-2008-2009. Presidente della SIP-dip dal 2011 al 2016.

Antonia Tamantini, direttore del dipartimento di salute mentale. Psichiatra e psicoterapeuta, direttore della struttura complessa servizio psichiatrico di diagnosi e cura di Foligno dall’anno 2006 e, dall’anno successivo, direttore di dipartimento di salute mentale dapprima Asl 3 Umbria e di seguito dell’Usl Umbria 2. Docente dal 2008 della scuola di specializzazione in psichiatria, in base alla convenzione con l’Università degli studi di Perugia.

Guglielmo Spernanzoni, direttore del dipartimento di prevenzione. Dal 2003 direttore dell’unità operativa complessa “Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche”, vanta un’esperienza decennale come direttore del dipartimento di prevenzione, dapprima nella Asl 4 provinciale di Terni e successivamente nella Usl Umbria 2. Vanta, altresì, una particolare esperienza e conoscenza in materia di contaminazione ambientale degli alimenti.

“Abbiamo scelto una squadra di validi professionisti con una rilevante esperienza alle spalle - afferma il commissario straordinario Fiaschini - in grado di raccogliere le sfide presenti e future del sistema sanitario regionale e di consolidare e rafforzare la presenza di una sanità pubblica di qualità nei territori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fine di un'era, chiude storico locale del centro di Terni: "Costi elevati e nessun incentivo"

  • Morgan rifiuta la proposta di Terni città futura: “Mi permetto di sconsigliarvi il duplice invito”

  • Cinema Politeama, il gestore getta la spugna: “Investito tanto per rendere viva la città di Terni”

  • Samanta Togni ed il viaggio di nozze da sogno: “Anche il cielo ci ha voluto fare il suo regalo di nozze”

  • Coronavirus, i casi sospetti in Umbria mettono in allarme: gli infermieri scrivono alla Regione

  • Ternano nell’area al centro del contagio da Coronavirus: “Paura c’è. La percezione è diversa dalla realtà”

Torna su
TerniToday è in caricamento