Un campione di nome Gabriele e adesso il sogno si chiama paralimpiade

Scorsolini tricolore Fispic nel judo nella categoria 60 chilogrammi. Prima degli avversari ha sconfitto anche un brutto virus che lo ha colpito a settembre. “Grazie a Mirco, Chiara e Roberto”

Gabriele Scorsolini e Roberto Tamanti

Le vette più alte e i colpi “proibiti”: Gabriele Scorsolini ha la stoffa del campione e la tenacia di chi, di fronte alle sfide – della vita e dello sport – tiene la testa alta.

Non si arrende e non si è arreso nemmeno stavolta. Anche se un brutto virus intestinale a settembre lo ha tenuto in ospedale una decina di giorni è gli ha fatto perdere almeno sette chili. Una condizione proibitiva per gareggiare alla pari nella sua categoria, quella dei sessanta chilogrammi. E invece, ieri, è arrivato il tricolore: Gabriele Scorsolini è campione nazionale Fispic nei 60 kg, categoria non vedenti.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

“L’ultimo incontro l’ho vinto con uno strangolamento”, dice soddisfatto mentre fa l’elenco di chi gli è stato accanto e gli ha permesso di raggiungere anche questo traguardo, dopo i tanti raggiunti nell’arrampicata.

“Devo ringraziare il mio coach, Mirco Diarena, Chiara Meucci, atleta e maestra che mi ha seguito in campo, e il commissario tecnico della nazionale Fispic del judo, Roberto Tamanti”.

Il tricolore però non sembra essere un traguardo, o almeno non l’ultimo per Gabriele. Che nel mirino potrebbe addirittura mettere la partecipazione alle paralimpiadi del 2020. Certo, la strada è in salita. E nel primo semestre del prossimo anno ci sarà da sudare per staccare il pass che vale la partecipazione all’evento. Obiettivo ambizioso, dunque, soprattutto per chi fino a un anno e mezzo fa non aveva messo mai piede su un tappeto di gara. Ma Gabriele è abituato a scalare: in bocca al lupo.   

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto no-cost, dopo il bluff arrivano le manette: arrestato l’amministratore della Vantage Group

  • Il saluto speciale di Daniela ai suoi clienti: “Vi terrò tutti nel mio cuore”

  • Tragedia della follia: uccide moglie e figlia e poi si suicida

  • Il sindaco Latini chiama a casa dei ternani: “Il comune ha attivato un nuovo servizio”

  • L’acciaio, la città operaia e il trionfo della Lega: il “caso” Terni fa il giro d’Europa

  • Trova a terra un portafoglio con 800 euro e lo restituisce al proprietario, protagonista della buona azione Francesco Ferranti

Torna su
TerniToday è in caricamento