Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Comune di Terni: "E' accaduto qualcosa di inverosimile, bisogna capire chi governa la città"

Mobilitazione dei consiglieri Emanuele Fiorini, Paola Pincardini, Anna Maria Leonelli e Michele Rossi

 

Lo avevano annunciato nel primo pomeriggio odierno attraverso una stringata nota. I consiglieri del Gruppo misto Emanuele Fiorini e Paola Pincardini, il capogruppo di Terni Civica Michele e Anna Maria Leonelli si sono ritrovati sotto Palazzo Spada per una mobilitazione. Il motivo è riconducibile al rimpasto di giunta che il sindaco Leonardo Latini ha ufficializzato, nel corso del pomeriggio odierno. Il consigliere Emanuele Fiorini, nel video in allegato, fa riferimento ad un incontro avvenuto venerdì tra la commissaria Barbara Saltamartini ed il primo cittadino Leonardo Latini: “Da quando è arrivata lei ci sono stati più fuoriusciti dal partito che altro” ha dichiarato tra le altre cose: “Questo non è il modo di governare la città. Devono essere messi in discussione tutti gli assessorati e capire le competenze di ognuno”. Il capogruppo di Terni Civica Michele Rossi: "Per la seconda volta la lista civica non entra in giunta per logiche di partito.C'è profonda delusione ed amarezza, una situazione che non possiamo far correre facilmente" (L'intervento completo del capogruppo nel video in allegato ndr)

Terni Civica: "Esclusione intollerabile"

"Siamo costretti a prendere atto come ancora una volta la nostra civica, che ha attivamente contribuito alla vittoria di questa coalizione e all'elezione di questo sindaco, venga tenuta fuori dall'esecutivo. Un rimpasto di giunta che vede un sindaco Latini ormai nelle mani dei partiti, pressato dall'imminenza delle elezioni regionali e nazionali. Per la smania di esprimere nuovi equilibri politici si calpesta un soggetto politico che con i suoi uomini, in primis il nostro consigliere eletto, ha sempre dimostrato lealtà, correttezza e un instancabile impegno. Una scelta questa maturata nel segreto degli incontri a porte chiuse, senza alcun coinvolgimento e di cui siamo venuti a conoscenza solo questa mattina.
Per dovere di cronaca l'unico spazio che ci veniva riservato era una presidenza di commissione, ben lontano dall'essere rappresentati in giunta e per questo abbiamo rifiutato la proposta, non rappresentando un adeguato riconoscimento al contributo nel governo della città. 
L'impegno prufuso in questi mesi dalla nostra lista civica viene nuovamente svilito ed umiliato.
Troppe volte abbiamo già mediato le nostre posizioni in un giusto rapporto di coalizione, per questo da domani ci sentiremo liberi di sostenere, anche in modo intransigente, solo le scelte che riterremo valide per la città. Abbiamo sempre rivendicato, perché lo riteniamo giusto, un ruolo nell'esecutivo, per contribuire concretamente alla realizzazione di quel progetto per la città in cui crediamo e del quale anche noi siamo autori.
Questa nuova esclusione è per noi intollerabile e diventa fonte di delusione e sfiducia. L'esclusione del civismo da questa giunta non è solo una nostra sconfitta politica, ma rappresenta una sconfitta per la città e le sue forze vive ad opera dei partiti sempre più chiusi in se stessi. Dispiace per i tanti cittadini che sostenendoci hanno creduto che la nuova partitocrazia volesse veramente aprirsi alla città e alle sue forze più libere, meritevoli e capaci. Con questo rimpasto riscontriamo il rischio di avere un sindaco non più rappresentatuvo di tutti i cittadini ma di una partitocrazia che intende imporsi con arroganza sulla città.
A questo punto il nostro consigliere eletto si sentirà libero di essere ancor più vigile e critico nei confronti di qualsiasi iniziativa amministrativa, ormai libero dal vincolo di mandato che altri hanno tradito, giudicando di volta in volta quanto verrà proposto, nel solo ed esclusivo interesse della città. 
Nel merito del rimpasto ci duole affermare che questo sembra premiare più i continui sgomitamenti interni che non reali competenze ed esigenze amministrative. A caldo ci sentiamo traditi da logiche ed interessi di partito che sembrano imbrigliare e condizionare il primo cittadino. Scoraggiati umanamente e politicamente, ci sentiamo però ancora forti della nostra visione di città, delle nostre competenze e di un impegno e di una passione che non verrà mai meno nel ruolo che gli elettori ci hanno dato.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe Interessarti

  • “Terni si è svegliata avvolta da una puzza terribile”, la denuncia del senatore Lucidi

  • Comune di Terni, Fiorini occupa il consiglio comunale: il sindaco ha tradito noi e gli elettori

  • Odori maleodoranti a Terni: “Puzza di pesce avariato in tutta la zona”

  • Il Comune di Terni dichiara guerra alle buche: ecco il piano quinquennale strade

Torna su
TerniToday è in caricamento