Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Palazzo Spada, un’altra “rivoluzione” in Consiglio: nasce il gruppo Uniti per Terni

Pincardini, Orsini e Fiorini lasciano il gruppo misto e Fratelli d’Italia: abbiamo progetti ambiziosi per la città e siamo aperti a tutti | VIDEO

 

Una nuova “rivoluzione” scuote gli assetti politici di Palazzo Spada: nasce il gruppo Uniti per Terni. Ne fanno parte Paola Pincardini, Valdimiro Orsini ed Emanuele Fiorini che lasciano il gruppo misto e Fratelli d’Italia – dove Fiorini era confluito poco prima delle elezioni regionali. “Siamo fuori dalle logiche di partito, abbiamo progetti ambiziosi e siamo aperti a tutti quelli che vogliono contribuire al bene di Terni”.

Su Fiorini arriva il commento critico del coordinatore comunale di Fratelli d'Italia Marco Celestino Cecconi:

"La crescita di un partito – come quella che ha portato allo straordinario risultato di Fratelli d'Italia alle ultime regionali a Terni ed in Umbria e come quella che tutti gli osservatori accreditano a FdI su scala nazionale – si  misura anche dalla sua capacità attrattiva, dalla sua capacità di aprirsi a nuove esperienze e nuovi ingressi.
È per questo che il nostro partito, da mesi e mesi, fa registrare in tutto lo Stivale le nuove adesioni dei tanti che - fenomeno diffuso e di per sé apprezzabilissimo – hanno lasciato tra il 2018 e il 2019 altri partiti della coalizione di centrodestra (dalla Lega a FI) o schieramenti avversi, per aumentare le fila di FdI: parlamentari, consiglieri regionali e così via, sempre accolti da Giorgia Meloni con grande soddisfazione e capacità inclusiva.
Ed è per questo che la scelta odierna di Fiorini stupisce e rammarica: no, questa volta ha deciso davvero di andare dalla parte sbagliata, contraddicendo se stesso prima ancora che la nostra bandiera.
Questa non è la politica come la intendiamo noi. E allora, sì, meglio che i fatti facciano chiarezza subito. Il cammino in progress di Fratelli d'Italia continuerà più che mai in avanti, in Umbria come altrove: sempre più a due cifre, sempre più aperto a chi saprà riconoscerci con sincera coerenza come casa propria"

Potrebbe Interessarti

Torna su
TerniToday è in caricamento