La ternanità ai tempi del Covid-19, ecco l'esilarante poesia di Brogelli &co

Il regista e poeta ternano ha diffuso un video in cui racconta, rigorosamente in dialetto, come gli abitanti della Conca stanno affrontando il periodo di “quarantena”

 

A volte un sorriso può aiutare a superare momenti particolarmente difficili, come questo che stiamo attraversando. E allora ci pensa Luciano Brogelli, supportato da altri volti noti della “ternanità”, a raccontare rigorosamente in dialetto, quello che stiamo vivendo, in attesa di tempi migliori.

Ecco il testo della poesia di Luciano Brogelli:

COVID 19

A scrie de ste cose non sarò certu lu primu,
ma a sta a casa tutt’l giornu, ve lo giuru, me deprimu
e perciò ve vojo fa’ un curtu resocontuco’
le rime aggià baciate sottu forma de raccontu.

Ormai su lu Piccì ce se trova ‘n bò de tuttu,
chi dice che lu monnu: “S’è da solu autodistruttu.”
chi dice che so’ l’antibiotichi che fonno resistenza
e chi ‘nvece se la pija co’ chi ha fattu l’accojenza.

Chi è sicuru che: “So’ tutte manovre de finanza!”, 
chi dice: “Non è gnente, è pocu più de un mar de panza.” 
Chi spurgia li ggiornali a la ricerca de ‘n complottue
chi sta sempre a ‘l cessu, che s’è aggià cacatu sottu.

Chi ce l’ha co’ quel cinese che: “Se magnatu ‘l gattu!” 
chi non dee annà più a scola e quindi è soddisfattu,
chi: “Non artorneronno più li tempi belli…” 
e chi: “Firnita sta paura, c’ameremu tra fratelli!”

Chi scappa via de casa pe’ annà su prati e boschi,
chi s’è ‘incapunitu co’ la triloggia de li Wachowski
la cui trama a nui ce sturza perché s’afferra
che semo nojandri lu virus su sta terra.

C’è chi dice che quarcuno ha artroatu lu vaccinu,
e quill’andu j’arisponne: “Ma che si’ tuttu cretinu?” 
chi è depressu, c’ha paura o c’ha la bballarella
e chi dice che stu virus è come ‘na livella.

Chi spenne tanti sordi a lu supermercatu,
chi va a spassu pe lu Corzu co’ lu certificatu,
e chi dice che quisti: “So’ tutti mascarzoni!” 
che stamo ne la merda: “Come su la peste de Manzoni.”

Io se vardo tuttu lu ggiurnu le notizzie de sta ggente
a tratti me pare pure da èsse indifferente,
perché tra chi le vòle cotte e chi le vòle crude
m’artroo a cammià situ e a vedé le donne nude!

Ppo’ spegnu lu Piccì co’ ‘na mossa da esauritu
e vo’ a magnà quarcosa che me sentu deperitu,
che sti dati negativi, qui lu dicu e c’ho le prove,
fonno assai tanti più danni de lu Covid 19.

Internet, lu sai, è ‘n depositu de conoscenze,
de notizzie, de pareri e de tante conferenze,
ma abbisogna quarche vorda mette tanta attenzione
che ce po’ sta n’epidemia… scì, de disinformazzione.

Legenda:
Piccì=Personal Computer.
Spurgia li ggiornali=Legge meticolosamente i quotidiani.
Triloggia de li Wachowski= Lana e Lilly Wachowski, autori (o autrici?) della trilogia di Matrix.
Ce sturza=Ci sorprende e ci fa sobbalzare.
Bballarella=Tremore da paura o da febbre.
E’ come ‘na livella=La famosa livella di Totò che ci rende tutti uguali.
M’artroo a cammià situ e a vedé le donne nude=Durante la quarantena si è verificato un boom di visite al sito PornHub.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TerniToday è in caricamento