VIDEO – Ecco “Funambolìa”, il mondo in musica di Marco Rea

Le prime lezioni di chitarra da bambino e l’eredità dei grandi artisti degli anni ’70. “Ho sempre molte cose da dire. E mi piace dirle in musica”

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Un musicista “doc”. Marco Rea ha la musica nell’anima. Ha iniziato a suonare da piccolo e oggi è un affermato e apprezzato artista a tutto tondo, noto a Terni e praticamente in tutta Italia. Le sue serate sono sempre molto gettonate, suonare e cantare per Marco Rea è una dote naturale. Musica nel cuore, musica nel sangue. L’ultima fatica di Marco si chiama “Funambolìa”: due cd, un dvd e un piccolo libro di poesie per raccontarsi e raccontare la sua passione, per l’appunto la musica. Tutto racchiuso in un cofanetto. In uno dei cd, spazio ai brani scritti e cantati dal cantautore ternano, mentre nell’altro Rea dà luce agli amici-artisti che lo hanno accompagnato nel suo percorso: sono loro, in questo caso, a cantare i brani scritti da Rea. Nel dvd invece c’è un video storico degli anni ’80 (‘N’andrà città’), uno dedicato al mondo dei non udenti con un pezzo scritto da Rea sul linguaggio dei segni e infine un cartone animato. “Ho sempre molte cose da dire – afferma – e mi piace dirle con la musica”.

Potrebbe Interessarti

  • Paura alla Passeggiata, ramo cade nel cuore dei giardini pubblici

  • Nuove frontiere per l'autismo, parte il progetto OpenFarmS

  • E gli studenti diventano “sentinelle” dell’ambiente

Torna su
TerniToday è in caricamento