Amministrative 2019, il primo verdetto: nei Comuni “monolista” i sindaci vincono la sfida del quorum

Da Allerona a Montecchio, superata ovunque la soglia del 50 per cento dei votanti. Ma resta l’incognita dei voti validi

Allerona è rimasta col fiato sospeso fino alla chiusura delle urne. Alle 19, il dato dell’affluenza metteva infatti in crisi la validità del voto, che rischiava di essere nullo se non fosse stato raggiunto il 50 per cento più uno degli aventi diritto. Condizione unica ed essenziale per legittimare il risultato delle urne nei municipi (dieci nel Ternano) in cui all’appuntamento elettorale si è presentato soltanto un candidato. Il dato definitivo dice invece 63,61% dei votanti e restituisce la prima certezza di questa tornata elettorale: dieci sindaci hanno già indosso la fascia tricolore. O quasi. 

Allerona, Alviano, Baschi, Castel Viscardo, Ferentillo, Guardea, Lugnano in Teverina, Montecchio, Montegabbione, Polino i Comuni sul filo, che ora dovranno passare l’ostacolo del doppio quorum. Per essere valido, il risultato elettorale dovrà infatti segnare il raggiungimento del 50% più uno sul totale dei voti validi. Ma questo conteggio non potrà che essere ultimato con lo spoglio effettivo che, per le Amministrative 2019, comincerà alle 14 del 27 maggio.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia della follia: uccide moglie e figlia e poi si suicida

  • Maltempo su Terni e provincia, allagamenti e disagi: ragazza al sicuro prima dell'arrivo della piena

  • Il sindaco Latini chiama a casa dei ternani: “Il comune ha attivato un nuovo servizio”

  • L’acciaio, la città operaia e il trionfo della Lega: il “caso” Terni fa il giro d’Europa

  • Incidenti stradali, a Terni il triste primato delle strade più pericolose dell’Umbria: ecco quali sono

  • Trova a terra un portafoglio con 800 euro e lo restituisce al proprietario, protagonista della buona azione Francesco Ferranti

Torna su
TerniToday è in caricamento