rotate-mobile
Animali

Salvaguardia delle tartarughe: i risultati del 2023

Le tartarughe caretta caretta sono una specie protetta. Scopriamo i risultati del progetto WWF in Sicilia.

Lo scorso 20 novembre diversi gruppi di attivisti del WWF hanno raggiunto la città di Caltanissetta, nei locali della “Casa delle Culture e del Volontariato”, per festeggiare insieme gli ottimi risultati ottenuti nella regione Sicilia durante il 2023.

Quali sono i numeri? Oltre 6000 tartarughe caretta caretta sono state monitorate fin dalla nascita e protette, a queste si aggiungono altri numeri importanti perché ben 145 nidi sono stati controllati dai volontari.

Si tratta di dati davvero significativi, per questo i volontari del WWF, che da più di 60 anni lotta per difendere l'ambiente e le specie in pericolo di estinzione, hanno festeggiato questi enormi traguardi.

I pappagalli si legano all’uomo? Vediamo i segnali per capirlo

Progetto tartarughe caretta in Sicilia

Durante i festeggiamenti sono intervenuti il responsabile nazionale del progetto, Luigi Agresti, collegatosi da remoto, che ha sottolineato quanto è stata ed è fondamentale l’opera e le attività dei volontari.

Poi è stato il turno del responsabile scientifico del progetto, Paolo Casale, dell’Università di Pisa, che ha fornito informazioni circa la presenza delle tartarughe marine nel Mediterraneo,

Altri interventi di rilievo sono stati di Francesco Palazzo, Giuseppe Palilla della Riserva di Torre Salsa, che ha esposto una relazione insieme al direttore Alessandro Salemi sullo stato di salute delle riserve gestite dal WWF in Sicilia.

Infine, è intervenuta la responsabile degli attivisti siciliani Oleana Prato che ha parlato del Progetto Tartarughe WWF in Sicilia, presentando i territori delle nidificazioni e quelli che devono essere maggiormente protetti e tutelati.

Ipotermia negli animali domestici: i sintomi da riconoscere e come evitare problemi di salute

Tartarughe caretta caretta: cosa bisogna sapere

La tartaruga caretta caretta, nota anche come tartaruga comune o tartaruga comune dell'Atlantico, è una specie di tartaruga marina diffusa in molte parti del mondo. Ecco alcune informazioni chiave sulla specie:

  • Distribuzione: queste tartarughe sono presenti in varie regioni oceaniche, compreso l'Oceano Atlantico, Indiano e Pacifico. Le tartarughe caretta caretta preferiscono le acque temperate e vengono spesso trovate in prossimità delle coste.
  • Caratteristiche fisiche: le tartarughe caretta caretta sono caratterizzate da un carapace robusto e appuntito, che può raggiungere una lunghezza di oltre un metro. La colorazione del carapace può variare dal marrone al verde oliva. Queste tartarughe hanno una testa grande con una mascella robusta e una mandibola a forma di becco.
  • Dieta: la dieta delle tartarughe caretta caretta è varia e può includere gamberi, molluschi, meduse, pesci e alghe. Sono principalmente carnivore, ma la loro alimentazione può variare leggermente a seconda della regione e dell'età.
  • Riproduzione: le tartarughe caretta caretta raggiungono la maturità sessuale intorno ai 20-30 anni. Le femmine tornano sulle spiagge di nidificazione, dove depongono le uova in buche scavate nella sabbia. Dopo un periodo di incubazione, le piccole tartarughe si schiudono e fanno il loro cammino verso il mare.
  • Minacce: questa specie è minacciata da diverse attività umane, tra cui la pesca accidentale, l'inquinamento marino, il cambiamento climatico e la perdita dell'habitat costiero. Gli sforzi di conservazione sono in corso in molte regioni che stanno lavorando per preservare i loro habitat di nidificazione.
  • Leggi di protezione: la tartaruga caretta caretta è protetta da leggi nazionali e internazionali. Numerose aree di nidificazione sono, infatti, designate come riserve marine o parchi nazionali.

La conservazione delle tartarughe caretta caretta richiede sforzi globali per mitigare le minacce che gravano su di loro, e per preservare gli habitat marini essenziali per la loro sopravvivenza.

Articolo originale su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvaguardia delle tartarughe: i risultati del 2023

TerniToday è in caricamento