FOTO 4mila mozziconi raccolti in via Tacito. I volontari di "Mi Rifiuto" installano un raccoglitore di cicche

I volontari "Mi Rifiuto" si spostano in pieno centro per raccogliere i mozziconi dispersi in corso Tacito. Distribuiti i primi 100 contenitori porta cicche. La nuova impresa del gruppo civico. Le foto di Giacomo Sirchia.

Negli ultimi mesi abbiamo imparato a conscerli e apprezzarne l'impegno e l'entusiasmo per difendere la città e l'ambiente dal degrado con il buon esempio. Sono i volontari del gruppo civico "Mi Rifiuto" che sono passati all'azione in centro città. 

Oggetto dell'azione pulitiva sono stati i mozziconi dispersi in corso Tacito. Più di 4mila, fanno sapere i volontari, che hanno donato alla città il primi 100 porta cicche "ad altrettanti cittadini fumatori che sono ora chiamati a dare il loro piccolo ma significativo contributo al rispetto dell'ambiente ed al decoro della città".

Il rilascio dei mozziconi di sigaretta produce un impatto sull'ambiente notevole perché il materiale non è biodegradabile oltre a contenere sostanze chimiche. Un impatto moltiplicato per 4mila solo in Corso Tacito."Solo questo dato numerico - scrivono i volontari - deve dare il senso di quanto sia impattante sull'ambiente il deprecabile fenomeno dell'abbandono di mozziconi in terra, nei giardini, nei corsi d'acqua. Senza considerare - concludono - la dispersione di tutti i composti chimici che si trovano nei filtri che contribuiscono ad inquinare ciò che poi mangeremo e berremo".

Nei prossimi giorni, ancora pulizie in centro città. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento