Grande riconoscimento per il Lions club Terni Host: premiati con il 'Leone d'oro di distretto'

Durate l'assemblea distrettuale programmatica organizzata a Roma, Rocco Falcone, l'immediato past governatore del distretto 108 L (Lazio, Sardegna e Umbria) ha consegnato il massimo riconoscimento al club

Un premio importante, un grande riconoscimento per il Lions club Terni Host è arrivato ieri, domenica 15 luglio. Durate l'assemblea distrettuale programmatica organizzata a Roma, Rocco Falcone, l'immediato past governatore del distretto 108 L (Lazio, Sardegna e Umbria) ha consegnato il 'Leone d'oro di distretto', la gratificazione più grande, il massimo riconoscimento, al Lions club Terni Host.

"Sono molto contenta per questo riconoscimento", ha commentato la neopresidente del club Maria Rita Chiassai. "Ho un'eredità importante da portare avanti. Sento di avere una grande responsabilità, ma sono sicura che, continuando il lavoro dei presidenti precedenti e con il coinvolgimento e la condivisone da parte dei soci e del direttivo, manterremo il club a questi ottimi livelli, contribuendo con i nostri service alla crescita del territorio, grazie al supporto della comunità, degli enti e delle associazioni locali".

I criteri per l’assegnazione del premio sono aver realizzato service distrettuali, nazionali e internazionali, le donazioni alla Lcif, Lions club international foundation, l'aver incrementato soci, le attività con interessi stabili per la comunità locale e aver dato visibilità mediatica al club. Durante l'anno lionistico 2018 molti sono i service che sono stati organizzati a partire da quello sulla sicurezza alimentare e sull'opportunità di una seconda rivoluzione verde con il professore Paolo Ajmone Marsan, direttore del Centro di ricerca di Proteomica e Nutrigenomica della Facoltà dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza. C'è stato poi il Progetto Martina che porta in classe la lotta al tumore e che quest'anno è stato collegato al convegno di senologia organizzato dalla socia Lorella Fioriti. Ma anche gli eventi per la comunità sono stati molti come la conferenza sui Bitcoin, la centralità dell'uomo nei processi produttivi e l'industria 4.0, la collaborazione per il Certamen Taciteum e la presentazione del libro 'Voci dal Territorio', grazie alla vendita del quale sono stati raccolti fondi per i terremotati dell'Umbria.

A ritirare il premio è stato il past presidente Giovanni Ranalli, presidente di zona per l’anno 2018-2019, che ha commentato: "Esprimo grande soddisfazione per il riconoscimento ottenuto dal club. Il merito va al consiglio direttivo e a tutti i soci che hanno saputo lavorare in squadra in modo eccellente, realizzando tante attività e tanti service, facendo si che il nostro club si posizionasse come il migliore tra tutti quelli delle tre regioni". Con lui Riccardo Paci, responsabile distrettuale dei rapporti lions-leo, Michele Martella, responsabile distrettuale Gsm (global service team).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

  • FOTO | Controlli a tappeto fra Terni e Narni. Posti di blocco al confine con la città

Torna su
TerniToday è in caricamento