Colori, quaderni e regali nei giorni della quarantena: anche a Terni scatta la consegna a domicilio

Cartolerie e cartolibrerie restano chiuse ma anche a Terni ci sono attività che si stanno organizzando per portare a casa i prodotti per bambini e ragazzi

Non solo pasta, carne, frutta e verdura. La consegna a domicilio riguarda anche dei beni in grado di portare un sorriso in più sui volti dei bambini che dovranno rimanere a casa probabilmente ancora per un bel pezzo e per i quali continuerà la didattica a distanza.

Parliamo di pastelli, pennarelli, fogli da disegno, penne e quaderni e, perché no, qualche gioco e attività da poter svolgere in casa. Tutti quei prodotti che, abitualmente, siamo abituati ad acquistare nelle cartolerie e cartolibrerie cittadine, attualmente chiuse.

I prodotti di cartoleria, infatti, rimangono ancora in un limbo: sono da considerare bene essenziale o no? In base alle ultime disposizioni del Governo, la risposta è negativa. Le cartolerie, le cartolibrerie e le librerie stesse, come noto, rimarranno chiuse. Una situazione che, come in tanti altri casi, rischia seriamente di mettere in ginocchio il settore. E in difficoltà non poche famiglie. Perché, di fronte alla certezza che le scuole non riapriranno, i genitori devono fare i conti con un approvvigionamento di quaderni, fogli, colori e tutti quei materiali. Se a Terni, a differenza di altre città, nella maggior parte dei supermercati è possibile ancora acquistare quaderni e colori, è anche vero che a volte l’offerta “basic” può non bastare.

E così, negli ultimi quattro-cinque giorni, dopo spesa, pranzi e cene, ad essere consegnati a domicilio sono anche i materiali di cartoleria, essenzialmente per la scuola, destinata ad essere frequentata in maniera virtuale fino alla fine dell’anno.

“Ho iniziato la consegna a domicilio da qualche giorno – dice Cosmina Ioan, la titolare della cartolibreria Le Cosmicomiche – e ho trovato una buona risposta da parte dei clienti. D’altra parte, la scuola continua, anche se da casa, e bambini e ragazzi hanno bisogno di quello che utilizzavano prima. Non credo quindi sia sbagliato dire che questa tipologia di materiale sia di prima necessità, proprio perché essenziale per lo svolgimento dell’attività didattica. E’ vero che le corsie dei supermercati da noi non sono state chiuse, ma è anche vero che molto spesso non ci sono materiali più particolari…basti pensare ad esempio a quello che può servire ai ragazzi dell’istituto d’arte”. Oltre alla varietà e alla qualità, inoltre, sembrerebbe esserci un altro problema, ossia, come continua Cosmina, quello dei rifornimenti: “Al momento non abbiamo grandi problemi, ma non dobbiamo dimenticare che molti stabilimenti di marchi estremamente famosi si trovano al Nord e stanno attraversando un periodo estremamente difficile. Ad esempio tempere e pastelli di uno specifico marchio sono già difficili da reperire. Speriamo di non affrontare una situazione ancora più difficile”.

Situazione difficile, per i negozi del settore, anche a causa della “concorrenza” di supermercati e tabaccai, che rimangono aperti, e a cui si sta cercando di far fronte con la consegna a domicilio. Dopo aver disbrigato le pratiche necessarie, infatti, in città sono già alcune le cartolerie che hanno deciso di tornare in campo, anche se in modalità diversa. “Ci chiedono colori, pennelli, tempere, cartucce per le stampanti – continua la titolare de Le Cosmicomiche -, insomma, tutto quello che serve per la scuola, oltre a qualche giochino anche per i più piccoli. Ho trovato tutti i clienti abbastanza ragionevoli, perché per me sarebbe complicato muovermi per consegnare solo una penna di quella marca e di quel colore, ma sono contenta di portare un po’ di gioia, soprattutto per i bambini che magari si trovano più in difficoltà per questa emergenza che stiamo vivendo”.

Anche Giolicart si è lanciata nella consegna a domicilio: “Siamo diventati operativi giovedì scorso – afferma Luca – e devo dire che non è stato semplicissimo, soprattutto per la necessità di creare un vero e proprio catalogo del negozio. Per ora è online quello dei giochi, a brevissimo pubblicheremo anche quello della cartoleria. E’ stato tutto fatto in pochissimo tempo, e siamo contenti di vedere che la risposta è stata buona, anche perchè diverse famiglie ci hanno chiesto anche dei piccoli regali in vista della Pasqua. Ad oggi abbiamo effettuato una trentina di consegne e devo dire che il primo giorno soprattutto c’è stata una grande richiesta perché, lo sappiamo, questi sono prodotti che servono alle famiglie e che, magari, possono regalare qualche sorriso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento