rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Attualità

Ivg, i dati del consultorio di Terni: “Nel 2021 197 interventi, trend in diminuzione: nessun minore nel 2022”

Parla la direttrice della struttura, dottoressa Loredana Modesti: “Questo servizio da venti anni è diventato punto di riferimento non solo per il comprensorio ternano, ma anche per il territorio laziale confinante”

Come funziona un consultorio? Per avere un quadro, abbiamo rivolto qualche domanda alla dottoressa Loredana Modesti, direttrice della struttura semplice dipartimentale del consultorio di Terni.

Cominciamo con i dat i : quanti sono i consultori operativi a Terni? Quante donne vi si rivolgono, mediamente, ogni anno?

“È molto semplice rivolgersi al consultorio di Terni, che si trova in zona Città Giardino, via Montegrappa 49/a. Si può entrare ed essere subito accolti da un’ostetrica che ascolta la necessità e fornisce la consulenza richiesta, se necessario programma un approfondimento specialistico, medico o psicologico, senza lista di attesa. Nel 2021 sono stati registrati 29.486 accessi, con un trend in costante crescita per un servizio che da venti anni è diventato punto di riferimento non solo per il comprensorio ternano ma anche per il territorio laziale confinante. La maggior parte delle prestazioni non richiede prenotazione, l’accesso è libero, gratuito e viene garantita la riservatezza, trattandosi di tematiche che riguardano la sfera più intima delle persone, come la scelta di una gravidanza, la sessualità, le relazioni di coppia e familiari, l’adolescenza. Il Consultorio da molti anni si impegna nella promozione della salute affettiva e sessuale degli adolescenti, con tempi dedicati anche di pomeriggio nello spazio giovani per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e delle gravidanze non desiderate”.

In che cosa consiste l'attività del consultorio per quanto riguarda il tema della interruzione volontaria di gravidanza? Qual è la procedura per accedere al servizio?

“Quello relativo alle interruzioni di gravidanza è l’unico dato in netta diminuzione in tutte le fasce di età (nel 2019 erano 230 e, nel 2021, 197 con una riduzione del 16%) e in particolare nelle minori, con nessun caso nel 2022. Il tema dell’interruzione di gravidanza viene garantito dalla normativa della legge 194 che prevede nel dettaglio le competenze dei servizi consultoriali. Dopo il colloquio e il rilascio della certificazione, che attesta l’intenzione di ricorrere alla procedura di interruzione, il percorso diventa ospedaliero, e nel nostro territorio viene favorito il ritorno al consultorio per consulenze relative alla contraccezione o al sostegno psicosociale”.

Chi decide di proseguire il percorso, come viene seguito? Quali sono invece le azioni per chi sceglie di portare avanti la gravidanza?

“Nel caso di un ripensamento, si procede con la presa in carico dell’assistenza alla gravidanza da parte delle ostetriche e della specialista ginecologa. La gravidanza può essere seguita in maniera completa e gratuita. Il servizio per i controlli, gli esami strumentali, gli incontri di gruppo e il sostegno psico-sociale prevedono percorsi integrati con i presidi ospedalieri aziendali e con l’azienda ospedaliera di Terni”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ivg, i dati del consultorio di Terni: “Nel 2021 197 interventi, trend in diminuzione: nessun minore nel 2022”

TerniToday è in caricamento