menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da San Nicola a Babbo Natale, la leggenda raccontata da Gastone Moschin

Accadde a Natale, un racconto al giorno: uno dei più grandi attori del cinema italiano legge uno dei racconti tratti dal libro di Arnaldo Casali

Più che il babbo di Babbo Natale, san Nicola di Bari è uno dei molti – decine, potremmo dire – antenati del più celebre personaggio natalizio dopo Gesù Cristo.

Se in America (Santa Claus) e in Polonia (Swiety Mikolaj) il vecchio barbuto che porta i regali si chiama proprio San Nicola, il personaggio ha in realtà una vasta schiera di genitori, che spaziano dal dio Odino della mitologia germanica al fantasma del Natale presente di Charles Dickens. E, come è noto, a costruire il suo immaginario ci ha messo le mani anche la Coca-Cola.

In Accadde a Natale ho cercato di dare spazio a tutti, con ben sette racconti dedicati all’argomento (ambientati tra il 330 e il 2000) ma il posto d’onore spetta ovviamente al vescovo vissuto nell’attuale Turchia dal 270 al 343 e che, per inciso, da vivo a Bari non ha mai messo piede.

LA SCHEDA | Il link a graphe.it: tutte le informazioni su Accadde a Natale

Eletto vescovo di Myra dal popolo della città, era stato incarcerato e poi esiliato nel 305, durante le persecuzioni di Diocleziano, mentre sotto l’impero di Costantino aveva partecipato al celebre Concilio di Nicea, prendendo anche a schiaffi – secondo la tradizione – Ario, il padre di tutti gli eretici.

A raccontare la leggenda che vede San Nicola trasformarsi in Babbo Natale è uno dei più grandi attori della storia del cinema italiano: Gastone Moschin, celebre soprattutto per Amici miei, ma che è stato uno dei più importanti caratteristi della settima arte, con film che spaziano dall’ultimo episodio di Don Camillo (in cui sostituì Fernandel) a Il padrino (dove è il mentore e prima vittima di don Vito Corleone) fino alle serie televisive Don Matteo e Se forte maestro.

Moschin ha vissuto per oltre vent’anni nel nostro territorio, aiutando tanti giovani attori e per questo a lui abbiamo intitolato il premio per il Cinema in Umbria del Terni Film Festival.

Scomparso nel 2017, si era ritirato dalle scene già da molti anni e la lettura di questo racconto è stata la sua ultima performance in assoluto. Anni prima che trovassero un editore gli avevo fatto leggere i miei racconti e lui ne fu così entusiasta da volerne registrare due. Il primo è che vi presentiamo oggi. Buon ascolto.

PER ASCOLTARE, CLICCA QUI

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di un’artigiana ternana, dal riciclo del materiale di scarto alla trasformazione in pezzi unici: “Collane, bracciali, orecchini su misura”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento