Acciai Speciali Terni, firmato l'accordo per il contratto integrativo: tutti i dettagli

Il coordinatore Fismic Marco Bruni: "E’ un buon accordo, che consente ai lavoratori di Ast di portare a casa mille euro nel 2019, frutto di un duro lavoro della Rsu che si è impegnata, senza mai retrocedere"

ast

Firmato l’accordo per il contratto integrativo dell’Ast. I lavoratori nel biennio 2019-2020 percepiranno 2000 euro. Per l’azienda ha partecipato il responsabile del personale Luca Villa, mentre dall’altra parte del tavolo i coordinatori della Rsu di Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Ugl e Usb. Nella busta paga di giugno, in pagamento il 9 luglio, tutte le tute blu, compresi i somministrati, percepiranno 500 euro come una tantum per l’anno fiscale 2018-2019. Il premio per l’anno fiscale 2019-2020 è stato diviso in due parti: 350 euro da erogare a novembre a tutti i lavoratori e 650 euro, in base al raggiungimento degli obiettivi. E’ stato fissato, inoltre, un premio di 300 euro come “premio welfare”, che sostituisce la proposta di Villa di 240 euro, denominata premio sicurezza, ma i lavoratori potranno scegliere di legarlo, eventualmente, al premio di presenza. Marco Bruni, coordinatore della Fismic. “E’ un buon accordo, che consente ai lavoratori di Ast di portare a casa mille euro nel 2019, frutto di un duro lavoro della Rsu che si è impegnata, senza mai retrocedere, sulla difficile vertenza”. Tra qualche ora al via le assemblee che termineranno lunedì sera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento