rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Attualità

Addio Electroterni, 14 lavoratori in fuoriuscita definitiva

Al ministero del Lavoro è stata firmata tra sindacati e azienda la cassa integrazione straordinaria per cessazione attività. Filipponi (Pd) chiama in causa le istituzioni

Dopo circa 30 anni di attività chiude i battenti il reparto di viale Centurini della Electroterni, azienda specializzata nella verticalizzazione di acciaio magnetico. Martedì, al ministero del Lavoro, è stata firmata tra sindacati e azienda la cassa integrazione straordinaria per cessazione attività. L’ammortizzatore avrà durata di un anno e rinnovabile per altri 24 mesi e da mercoledì coinvolgerà i 14 lavoratori del sito, il cui futuro sembrava segnato già da tempo. Nulla ha potuto la mobilitazione – anche a livello istituzionale di Fim, Fiom, Uilm e Fismic. Sulla questione interviene con un’interrogazione a palazzo Spada il consigliere comunale del Pd Francesco Filipponi: “Visto l'accordo già sottoscritto con la Regione dell’Umbria che prevede l’avvio di politiche attive del lavoro per la loro riqualificazione e il loro ricollocamento in altre aziende – si legge nell’atto – e considerata la necessità di attenzione da parte dell’amministrazione comunale verso questa procedura di cessazione attività, visti anche gli incontri svolti in passato in merito a questa vertenza, nell'ambito della delega allo sviluppo economico, che comporta l’esigenza di ricollocamento del personale, si interroga il sindaco e la giunta 
per conoscere quali azioni si intendono mettere in campo per seguire attentamente con il Ministero e la Regione Umbria quanto necessario per il ricollocamento di tutto il personale interessato dalla 
cessazione attività e inoltre quali politiche si intendono adottare per sopperire alla perdita rappresentata dalla chiusura della Electroterni nel settore produttivo di riferimento”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio Electroterni, 14 lavoratori in fuoriuscita definitiva

TerniToday è in caricamento