rotate-mobile
Attualità

Terni, Alessia Minicucci: “Tante forme d’arte rientrano nell’ambito culturale. In città occorrono maggiori spazi espositivi”

La responsabile del Cenacolo delle arti: “La diversificazione degli eventi è necessaria per raggiungere target differenti andando anche a coinvolgere le realtà locali”

Un incarico affidatogli nel corso del 2021, durante la fase di ripartenza caratterizzata comunque dalle limitazioni dettate dall’emergenza sanitaria. Sono infatti tre anni che Alessia Minicucci ricoprire il ruolo di responsabile del Cenacolo delle arti, all’interno dell’Istess. In questi giorni, grazie alla collaborazione della storica e critica d'arte Isabella Cruciani e La Madè Eventi gestita da Maela Piersanti, è stata allestita una mostra a cura di Rick Margiana nello spazio del Cenacolo San Marco, dove Alessia contribuisce nell’organizzare le iniziative di variegata natura.

Alla nostra redazione di www.ternitoday.it spiega la bontà delle attività svolte: “Il compito della sottoscritta è quello di valorizzare la location del Cenacolo San Marco, dando spazio ad artisti, alcuni di questi locali. Spero che si possa proseguire, anche per il futuro, su questa linea muovendosi sia in ambito territoriale che a livello nazionale. In città mancano degli spazi espositivi, di ampio respiro, dove le varie forme d’arte possano dialogare. Inoltre per il Cenacolo si potrebbe fare un ulteriore salto in avanti inserendo dei pannelli espositivi di qualità ed una illuminazione confacente allo spazio. E’ uno dei pochi luoghi, in centro, dove effettivamente le forme d’arte diversificate confluiscono come installazioni, piccoli concerti, rassegne, convegni, presentazioni di libri”.

Le principali iniziative: “Nel corso del 2021 mi sono occupata principalmente di una collaborazione con David Riondino per il format ibrido Tg suite, per poi iniziare una sinergia con l’allora responsabile di Istess arte. A partire dal 2022, anno in cui è stato possibile tornare ad organizzare eventi in presenza, le proposte si sono susseguite. Pertanto la mission dell’Istess ossia un istituto teologico e culturale a tutti gli effetti è stata promossa”. Le modalità: “Sottopongo all’assemblea le proposte che vengono esaminate. Una volta approvate invito l’artista a creare un qualcosa di particolarmente indicato per il Cenacolo”.

La decisione di accettare l’incarico: “Mi volevo mettere in gioco e collaborare con le varie forme d’arte presenti all’interno di Istess. Ho avuto modo anche di portare quella che è l’esperienza in ambito musicale, museale e di carattere espositivo. Le competenze devono essere giocoforza traversali. Occorre avere una visione a 360 gradi per ambire a connettere e coinvolgere varie realtà. Non esiste una macrocultura ma tante forme d’arte che rientrano nell’ambito culturale. Ogni fascia d’età, ceto sociale, etnia detiene un proprio bacino di interesse. La bravura di chi lavora in questo campo è creare l’evento adatto almeno ad una tipologia di target. Una diversificazione di eventi per raggiungere persone e fasce d’età differenti”.

Oltre a ricoprire l’incarico di responsabile del Cenacolo delle arti per Alessia Minicucci si sono aperte ulteriori strade professionali: “Sono una cantante lirica ed operatrice culturale, dopo essermi laureata in storia dell’arte. Sto cercando di muovermi nel settore culturale portando la mia ‘anima’ da performer e la parte pratica di organizzatrice. In particolare lavoro con Europa InCanto una realtà partita da Roma che si adopera nel divulgare l’opera lirica ai ragazzi, delle scuole primarie e secondarie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, Alessia Minicucci: “Tante forme d’arte rientrano nell’ambito culturale. In città occorrono maggiori spazi espositivi”

TerniToday è in caricamento